05 aprile, 2006

 

Perché Emma deve vincere per il bene dei liberali. Anche della CdL

"Per il bene dei radicali è meglio che la Rosa nel Pugno perda le elezioni", ha scritto sull'Opinione l'amico Luca Tentellini, compagno di tante battaglie liberali. Ma questa volta, caro Luca, finalmente abbiamo idee divergenti.
Al contrario, per il bene di noi liberali, ovunque ci troviamo, è essenziale che i Radicali vincano le elezioni. Perché - può non piacere, per invidia - ma la loro lista Rosa nel pugno è la sola liberale presente a livello nazionale. Perché queste consultazioni sono proporzionali, bellum omnium contra omnes, e dunque dobbiamo premiare i singoli gruppi, più che le coalizioni, che sono un coacervo di tutto e del contrario di tutto. Ma soprattutto perché ai nostri occhi liberali Emma, Pannella, Capezzone & C. appaiono come un contravveleno provvidenziale in questa fase profondamente illiberale, populista e clericale della politica italiana, sia a Destra sia a Sinistra. Sono, infatti, gli unici sul "mercato" politico ed elettorale a sollevare temi, ad avanzare soluzioni, ad usare il senso critico, in modo tipicamente liberale. Su ogni argomento. Senza la minima traccia di estremismo. Chi altro c’è, se no, oltre a loro?
Noi liberali, come ripete l'amico Raffaello Morelli, che ne è una dimostrazione vivente, siamo pignoli. E infatti, anche i radicali non scherzano, su questo punto. Confessiamo che è da quando hanno dato luogo alla lista "Rosa nel pugno" con i socialdemocratici di Boselli che li osserviamo con attenzione minuziosa. Da criticoni liberali, li aspettavamo al varco per prenderli in castagna: "Ecco, vedete? – eravamo pronti a far notare acidamente – da quando state con i socialisti e, ancor peggio nell’Unione, non siete più voi, avete dimenticato le vostre origini liberali e libertarie, fate errori, concessioni e omissioni. Stavate meglio a Destra".
Macché, questo in coscienza non possiamo dirglielo. Nulla di tutto questo si è verificato. Neanche il più piccolo errore hanno fatto. Continuano con la loro ben nota caparbietà a dire le stesse cose di prima. Non hanno edulcorato un bel niente. Anzi, di nuovo c'è che il virus liberale, grazie a Capezzone, Bonino, Cappato e agli altri radicali, dopo aver dato l'impronta alla rinata Rosa nel pugno e aver reso più vivaci e più liberali i boselliani, ora sta seminando dubbi, crisi e razionalità nell'intera Unione. Basta vedere le reazioni di autodifesa nei Ds, l'imbarazzo dei clericali nella Margherita, ma anche l'emarginazione, grazie ai radicali, delle posizioni antimoderniste, antagoniste o vetero-marxiste di comunisti, no-global e verdi. E sì, perché come da noi previsto, la Rosa punge chi la riceve, non chi la impugna.
Perciò è davvero incomprensibile e immotivato quel "Goodby, Emma" dell'amico Luca sull'Opinione. Che il collega si sia addormentato davanti allo schermo, dopo aver sgranocchiato troppi pop-corn, e non si sia accorto che proiettavano un altro film? Ma forse, è più probabile, che abbia semplicemente deciso di aderire meglio alla linea politica del giornale, cosa perfettamente logica e legittima. Perché la linea d'una testata - e quante volte noi liberali ci siamo scontrati su questo con amici e colleghi di sinistra? - la fa il direttore, non il giornalista. Resta, però, il fatto che non uno dei giudizi su Emma e sui radicali della Rosa nel pugno è motivato. Compreso il "dopo elezioni" e il ruolo "ambiguo" del Corriere. Anzi, scusa Luca, è proprio il contrario: Mieli ha già fatto la scelta riformista, il che andrebbe a vantaggio di Emma e Capezzone.
E così, in mezzo a tante convergenti spinte stataliste, protezioniste, conservatrici, proibizioniste, populiste, clericali, sia a Destra che a Sinistra, da Mantovano a Mastella, da Calderoli a Rutelli, da Alemanno alla Binetti, da Giovanardi alla Bindi, da Diliberto a Caruso, tutta gente che ignora le distinzioni e il rigore di Cavour, di Sella e di Einaudi (e del suo allievo prediletto Ernesto Rossi), nel teatrino pseudo-politico da Tv ecco che il gesto severo del logico Capezzone, più cavourriano ed einaudiano che gobettiano, con relativo aplomb da giovane liberale classico (che ci ricorda tanto la Gioventù liberale d'un tempo), e quello d’una Emma che sa parlare al cuore delle donne col suo ben noto "buon zenzo", sono le cose non solo più nuove e originali di questa campagna elettorale, ma le uniche davvero liberali.
Per questo quei coraggiosi più "lib" che "lab" della Rosa nel pugno meritano di vincere. Non tanto per loro, quanto per tutti i liberali, anche quelli frustrati, muti e imbolsiti nascosti nella cosiddetta Casa delle libertà. Per dimostrare che, finalmente, da qualche parte - non ci interessa dove a noi del Salon Voltaire - "i Liberali vincono". Era ora.
E poi, scusate, di che si lamentano, solo adesso, gli amici della CdL? I Radicali non sono forse stati cacciati da Udc, An, Lega e perfino da FI con il no al referendum sulla libertà di scienza e di terapia? Se il Centro-destra perderà, sarà - è vero - per i Radicali. Ebbene, ringrazi Giovanardi, il Comitato Scienza & Vita, Il Foglio di Ferrara, Mantovano, Casini e Buttiglione, che i Radicali hanno criminalizzato e allontanato. O si volevano anche a Destra, tra tanti ottusi poco utili, anche degli "utili idioti"?

Comments:
Indipendentemente da come la si pensi sullo specifico, non trovo sia particolare indizio di razionalita' attribuire una eventuale sconfitta del centrodestra all'unica battaglia vinta, quasi controvoglia, cioe' quella della legge 40.
Specie avendo sistematicamente perso tutte le elezioni precedenti sia europee che amministrative.
Quando si scrivono certe cose si dimostra un ineffabile sprezzo del ridicolo.
Come dire che vincere fa perdere.
Se si perdera' non sara' ovviamente per le ragioni balzane indicate da questo post, bensi' per gli errori di 5 anni di poca politica.
Puo' andar bene la saldezza ideologica, ma non quando fa premio sui fatti e la storia, caro Nico.
 
Sicuramente Stefano ha ragione quando dice che si perderà soprattutto per le cose non fatte. Ma è normale, sapete, solo i teocon all'amatriciana votano col paraocchi (basta che inserisci la parola "cristiano" a caso ogni due frasi). :D

In ogni caso il referendum è stato un colpo durissimo per molti sostenitori del centrodestra. Non tanto per la sconfitta dei referendari ma per le reazioni conservatrici e clericali successive, di un populismo rozzo e disgustoso.
Una parte di elettorato aveva simpatizzato con il centrodestra per le riforme liberali, non meritava di essere trattato così, e i risultati li vedremo tra pochi giorni.
 
Stiamo al metodo socratico: l'articolo, cioè il problema, qual era? I radicali che sono passati a Sn. L'amico Tentellini dice che anche per il loro bene devono perdere, perché non sono più se stessi da quando ecc.
Io invece dico che stanno proponendo le stesse cose di prima. Ma ggiungo: perché gli amici della CdL li prendono per traditori (v. Presidente Consiglio a Ballarò)? Sono stati loro a cacciarli. Vedi tutto quello che dicevano al tempo del referendum e anche prima.
E poiché l'unica lista che può in teoria (e anche in pratica: sento molti amici, giornalisti, gente che non voterebbe o delusa)rubare voti alla CdL è la loro, ecco che il loro 2,5-3% diventa determinante. Non vorrei che Giovanardi e Buttiglione, Mantovano ecc si dovessero mangiare le mani...
E' chiaro che la CdL perde soprattutto per le cose non fatte (e io aggiungo l'aggettivo "liberali"). Ma a questo gap ora si *aggiunge*
l'effetto di attrazione della Rosa nel pugno.
E Mantovano a Radio Radicale se ne esce con un ineffabile finto-ingenuo: "Che peccato, c'erano 9 punti su 10 del programma radicale in comune con la CdL: che bisogno c'era di andare a sinistra?"
Eh, bisognerebbe chiederlo proprio a lui, l'acuto Mantovano.
 
Caro Nico, mi pare ti sia sfuggito il non irrilevante particolare che, in base alla vigente legge elettorale, la Rosa nel Pugno è partito apparentato con l'Unione (è in quota Prodi non dunque come colalizione di partiti indipendente dai due poli principali) di Prodi quindi contribuisce a far prendere l'eventuale premio di maggioranza, compesi un bel gruppo di compagni di Diliberto, Bertinotti, Pecorario scanio e Fabio Mussi che si ritroveranno in Parlamento grazie al contributo di Bonino Pannella Capezzone etc..
Non è cosa da poco. anzi. Il nodo politico elettorale è questo.
Il fondamento delle mie argomentazioni, discutibile come tutto (è ovvio), è perciò fondato sui fatti e ha una solida base che non poggia sulla mera convenienza editoriale di compiacere il direttore. Oltrettutto sono anche candidato (di bandiera è chiaro anche questo) i due regioni italiane nelle liste per il Senato dei Salmoni di BdV. In politica, i voti si contano e, ahimé, oggi i compagni radicali lavorano de facto -a tutti gli effetti- per far vincere una coalizione che include comunisti, giustizialisti e poteri forti. Se poi anche tu voi metterti in coda....
 
Premesso che voterò scheda bianca, la mia speranza è che la Rosa nel Pugno faccia il suo buon lavoro di bomba a orologeria all’interno della coalizione di cui fa parte. Se così sarà avrà fatto un buon lavoro.
 
Premesso che voterò scheda bianca, la mia speranza è che la Rosa nel Pugno faccia il suo buon lavoro di bomba a orologeria all’interno della coalizione di cui fa parte. Se così sarà avrà fatto un buon lavoro.
 
Premesso che voterò scheda bianca, la mia speranza è che la Rosa nel Pugno faccia il suo buon lavoro di bomba a orologeria all’interno della coalizione di cui fa parte. Se così sarà avrà fatto un buon lavoro.
 
premesso che condivido dalla prima all' ultima parola l' articolo di Nico Valerio (e io infatti voterò e inviterò a votare rosanelpugno), non capisco la replica di Tentellini, per almeno un motivo: che c' entra il meccanismo elettorale? a parte il fatto che l' ha inventato e approvato il suo padr.. cioè volevo dire alleato berlusca, oltretutto le stesse cose che lui rinfaccia alla rnp (di far eleggere comunistoni, noglobal & c.) si possono rinfacciare ai salmoni e chi li vota, che farebbero eleggere anche leghisti, fascisti, giustizialisti, clerico(im)moderati ed altre amenità illiberali che infestano la sedicente casadellelibertà.
saluti
 
i radicali nel cdx avrebbero potuto importare in italia l'economia degli stati uniti

in compenso con il csx riusciranno ad importare la morale olandese e la libertà di religione e di istruzione francese

e si, perché il radicale che vuole la scuola di stato è una invenzione recente, e molto liberale, così liberale da sembrare giacobina

evidentemente la vita è fatta di priorità, cambiare la sovrastruttura religiosa sarà più importante di cambiare la struttura economica, o vorse ho invertito l'ordine delle strutture?
 
Nico Valerio ha detto...
Al caro amico Luca Tentellini. Grazie intanto per aver capito la mia posizione un po' provocatoria. Ti ho messo in mezzo perché sicuro della tua amicizia e comprensione. In fondo, come ti ho scritto sotto al tuo nuovo post nel blog Hamlet, tu e io facciamo parte della stessa Piccola Compagnia di Giro dei giornalisti liberali.
Ma, ci tengo a sottolinearlo, non mi sarei mai permesso di pensare, figuriamoci di scrivere, che tu hai modificato la tua idea, perchè anzi posso testimnoniare che è da tempo sempre la stessa. Ho scritto solo che hai voluto aderire meglio a una linea politica. A differenza di me, ti trovi sempre d'accordo col direttore dell'Opinione, il bravo Diaconale. Bene.
Sulle conseguenze sottili del sistema di apparentamento hai ragione, ma questo fa parte del gioco elettorale, cioè dei grandi trucchi e mezzucci di cui le leggi elettorali sono piene.
Certo che le conseguenze sono quelle che dici. E allora?
Che avrebbero dovuto fare i Radicali, in alternativa?
Restare nella CdL.
Ma erano malvisti da tutti, proprio da tutti, tranne Martino, Biondi e pochi altri. Che non hanno speso una parola per trattenerli.
E dunque?
La politica non si fa con i "se": queste sono le condizioni politiche a cui si è arrivati.
E i Radicali sono stati costretti dalla CdL a creare la RnP e a "buttarsi" a Sn.
Per fortuna non hanno annacquato il loro programma.
Spero, caro Luca, che tu voglia prendertela anche con chi nella CdL li ha forzati a questa scelta,
che - lo sai bene - alcuni di loro, perfino ai piani alti, non hanno ancora digerito...
Ma su tutto questo non ho mai letto una riga sul giornale, peraltro solitamente coraggioso, al quale entrambi collaboriamo, L'Opinione. Che gli sarebbe costato all'amico Diaconale a far pubblicare una nota in cui si tiravano le orecchie, magari per non aver fatto un calcolo machiavellico, alla CdL?
 
Riccardo, come liberale io oggi critico sia la Destra che la Sinistra (con critiche diverse, ovvio). Ma intanto chiediti: che cosa potevano fare in concreto i Radicali? (v. quanto scrivo all'amico Tentellini). Quindi la realtà innanzitutto.
Poi, conoscendo i miei polli, sono sicuro che i radicali - fino a quando resisteranno in Parlamento dentro la Sinistra - saranno più efficaci nel rompergli le scatole di quanto possano fare tutte le Destre del mondo. Steremo a vedere...
Per ora hanno imposto i loro temi.
Sulla scuola pubblica, guarda che non esiste in Italia una scuola privata. Si puà scegliere tra due scuole pubbliche: una dello Stato italiano e un'altra della Chiesa, equiparabile allo Stato Vaticano o ad una realtà Universale. Che "privato" è? La Chiesa sarebbe un'organizzazione privata?
E' privatistica in senso giuridico secondo le leggi italiane, ma non nella realtà delle cose.
Ed è naturale che un laico preferisca la prima, turandosi il naso. Ti faccio un caso concreto: almeno nella prima scuola pubblica tra mille catto-comunisti un prof liberale lo trovi, ma nella seconda scuola pubblica, manco a parlarne. Questo è il punto, solo questo: l'uniformità ideologica.
 
Concordo con Nico su ogni virgola, voterò convintamente rosa nel pugno, perchè da un lato credo che sia un dovere per chi in italia si sente davvero liberale togliere di mezzo una volta per tutte il grande equivoco rappresentato da berlusconi ed i suoi yesman populisti. D'altro canto è il solo modo per fare emergere nell coalizione che reputo meno peggio (ma proprio un poco meno...) una voce finalmente improntata alla laicità ed in grado di spingerci dal punto di vista economico e sociale, verso i migliori modelli europei. Ed è semplicemente così: se la rosa nel pugno prende tanti consensi prodi e c. dovranno per forza dare loro ascolto. sul peso di Bonino, Boselli e c. si decide redo la marcia liberale del nostro a tutt'oggi illiberale paese.
 
ucaPrima una replica, doverosa, ad adriano mencarelli: voterai Rnp ma certo non hai nulla ma proprio nulla di liberale, anzi. Se ti permetti di insinuare che io abbia dei "padrini" ( linguaggio mafioso da mafiosi) sappi che vengo da molto lontano, e i giochetti di delegittimazione stalinisti tipo il tuo nulla hanno a che vedere con la tradizione - gloriosa - del movimento radicale, nel quale mi pregio di avere militato per diversi anni. Ciò detto passiamo alla Politica. Il roverscio speculare del mio argomento non funziona perché, se nella sx le estreme fanno una somma a due cifre percentuali del corpo elettorale, a dx la Mussolini & C ramazzerà al più un uno virgola. I numeri contano, come i seggi in Parlamento d'altronde.

Caro Nico, davvero un utile confronto e una vivace polemica. Però se ci andiamo a riguardare l'archivio de L'opinione, riferendomi soltanto a me, (ma poi ci sono i più autorevoli Vecellio, Bandinelli, Capezzonme...) Arturo dal 2001 al 2003 mi avrà pubblicato una quarantina di articoli a sostegno dei radicali nella Cdl ( e all'epoca, quando certo il Corriere della Sera ignorava i Radicali -con tutti gli altri giornali - il buon Bordin li leggeva praticamente tutti alla Rassegna Stampa e Regime salmodiandoli di buon mattino con mia grande goduria). Dunque si è fatto ciò che si poteva
 
Certo, caro Luca, lo ricordo benissimo, ma... eehm... non si era in campagna elettorale. Ora a ridosso delle elezioni (giustamente) i richiami della foresta hanno il loro effetto. C'è stato un appiattimento. Non a caso dei miei articoli sono passati solo quelli critici o ironici verso i liberali. Nulla quaestio.
Se io fossi stato direttore, ogni 10 articoli pro CdL ne avrei pubblicato 1 sui liberali nelle più diverse liste. Non credo che Bondi, Cicchitto & C avrebbero potuto protestare.
 
È da parecchio tempo che medito di dare il voto alla Bonino per le ragioni efficacemente espresse da Nico Valerio. Anzi, nella mia ottica mi azzarderei a vedere la Bonino come Primo Ministro e Capezzone come Presidente della Repubblica (assolutamente non viceversa!).
Tuttavia mi chiedo: quanto durerà questa coalizione?
Riuscirà la Bonino a stare insieme agli ex-stalinisti nostalgici, a gente ottusa e illiberale come i Verdi (notoriamente come i cocomeri, ossia verdi solo di fuori!) e ai papisti?
È solo questo il mio dubbio.
 
Dici cose molto sagge. La cosa straordinaria dei radicali è sempre stata quella di sottomettere l'identità al progetto. Probabilmente sarà una citazione troppo mistica, ma voglio ricordare che Gesù disse: "Chi proverà a difendersi verrà dannato, chi si rinnegherà sarà salvato."

Insomma, rimangono sempre i più grandi!
 
Wow! Candide, sono sinceramente interessato, mi dai la citazione precisa dal Vangelo kata' Kabetzon?
O e' Dan Brown l'evangelista?
Io non so cosa pensasse Socrate del referendum, ma so pure che la matematica non e' un'opinione.
Conoscendo l'obbedienza da levrieri afghani degli elettori ex-comunisti di ogni confessione, piu' i radicali, verdi, dariifo' sabrineferilli, umbertiveronesi e paolimieli vari, hanno racimolato
un 25% record italiano di disaffezione al voto.
Questa massa di elettori liberali di centrodestra "outcast and disappointed" me la si dovrebbe far vedere con qualche numerello alla mano.
Anche l'evoluzione dei sondaggi (dal -11% di dicembre ai meno 3/4 punti degli ultimi disponibili) dimostra che l'arrivo dei radicali sta magari rimescolando le carte a sinistra ma non aggiungendo elettori, anzi se si fa una connessione diretta arrivo rosapugnoni-dati sondaggi (operazione, lo riconosco per primo, scorretta) si dovrebbe dire che fanno perder il CSX non guadagnare.
 
Io stavo solo analizzando i perché e i come della "secessione" radicale. Credetemi, per la mia onestà intellettuale, non volevo fare uno spot elettorale. Come Salon Voltaire sono neutrale, perché devo rispettare tutti i liberali (quasi 3000, e molti importanti), e poi sarebbe ridicolo che io detti indicazioni di voto a intellettuali, commentatori politici, presidenti di club, docenti universitari.
Dunque, stiamo al tema: il caro amico Tentellini dice che i R. hanno tradito se stessi e aiutano i marxisti (sintesi rozza la mia), io dico che non è così, anzi che i R. forse sono più utili ai liberali d'ogni tendenza se stanno dove stanno e fanno quello che fanno (o faranno). Queste le intenzioni puramente disinteressate e intellettuali dell'articolo, credetemi.
 
Riccardo, lascia stare per un attimo le categorie filosofico-calcistiche di Ds-Sn: non lo vedi che con quesi guastatori razionali dentro, l'Unione si sta quasi vergognando di fare discorsi anticapitalistici, antiamericani ecc.? E poi se chiedessero i Pacs,
sai che rivoluzione: in Spagna sono stati concessi dal cattolico-liberale Aznar (Centro-destra), non dal socialista Zapatero, che ne ha solo esteso e meglio regolato l'aspetto giuridico.
No, è solo il clima che è diverso. E la Rosa sta dragando i più liberali della Sinistra, mettendo in forte imbarazzo tutti, specie i Ds
 
Io stavo solo analizzando i perché e i come della "secessione" radicale. Credetemi, per la mia onestà intellettuale, non volevo fare uno spot elettorale. Come Salon Voltaire sono neutrale, perché devo rispettare tutti i liberali (quasi 3000, e molti importanti), e poi sarebbe ridicolo che io detti indicazioni di voto a intellettuali, commentatori politici, presidenti di club, docenti universitari.
Dunque, stiamo al tema: il caro amico Tentellini dice che i R. hanno tradito se stessi e aiutano i marxisti (sintesi rozza la mia), io dico che non è così, anzi che i R. forse sono più utili ai liberali d'ogni tendenza se stanno dove stanno e fanno quello che fanno (o faranno). Queste le intenzioni puramente disinteressate e intellettuali dell'articolo, credetemi.
 
E se il diabolico Silvio avesse sapientemente inoculato il virus radicale nel corpaccione del centrosinistra Prodicefalo, per vederlo sbavare in preda a convulsioni disfattiste a meno di cento giorni da uno stitico successo elettorale?
Butto li' un argomento su cui qualcuno di sinistra mi dovrebbe illuminare: gli aiuti all'Autorita' Palestinese a guida (?) Hamas, viste le ultime illuminanti dichiarazioni circa le relazione con Israele.
Un bel dialogo platonico Bonino-ManisporchedisangueDiliberto ve lo immaginate?
 
mah, Nico, io rimango della mia idea: i radicali hanno da sempre un programma morale ed uno economico, hanno deciso che l'attuazione del primo era più importante del secondo (puah!)

sulla scuola privata quello che dici è vero, ma ragionando sempre sulle ingerenze vaticane la scuola rimarrà sempre più di stato; se aprire scuole private fosse profittevole (buoni scuola di valore pari ai costi della spesa pubblica per la scuola) salterebbe fuori anche qualche scuola laica e/o liberale (che so io, col cepu?), meglio ancora se si privatizzassero tutte le scuole e festa finita

sarebbe una politica molto radicale, ma ormai loro hanno scelto lo statalismo in nome dell'anticattolicesimo militante; al massimo riusciranno ad annullare gli ordini professionali, visto che sono "dei ricchi"

(ps: non so perché ma da me i professori sono più comunisti che cattocomunisti, sarà che son toscano...)
 
Stefano:

È una mia (ma non solo mia)libera interpretazione di questo passo:

"Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua.
Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà."
 
Per LUCA TENTELLINI.
Mi dispiace che tu abbia frainteso il significato di padr... , che per me stava per "padrone" e non per "padrino", come hai inteso tu.
Figurati che questa parola non mi ha sfiorato neanche lontanamente, tanto mi è estranea. I mafiosi che parlano linguaggi da mafiosi cercali da qualche altra parte. Ok?

"Padrone": sfido chiunque a dimostrare che Berlusconi non è il padrone del CDX e quindi, per me, anche di chi lo fiancheggia.

Bene, ora, spiegato l' equivoco, posso riprendermi la mia patente di liberale ? grazie.
Per quanto riguarda le tue contro-deduzioni sul rovescio speculare del tuo argomento, posso dirti che non mi hanno convinto per niente?
Saluti.
 
A tutti, e soprattutto al caro amico Luca Tentellini, volevo far notare io stesso che, così com'è, il titolo contiene una incongruenza.
In che senso paradossalmente la Bonino serve anche al Centro-destra? Ci credete se vi dico che ho prima scritto il titolo (è una mia vecchia abitudine giornalistica) e poi il testo, e mi sono dimenticato di spiegarlo?
In breve: il successo di una lista liberale dall'altra parte sarebbe un ottimo precedente ed esempio
per la CdL. Darebbe fiducia ai liberali abbacchiati e perdenti, alla Martino. Scusate, questo mi era restato nella tastiera
 
Hai ragione, i liberali aumenterebbero il loro potere contrattuale con la casa delle libertà,un po come è successo a Bertinotti per aver fatto cadere il governo Prodi.
 
Stefano:

In effetti forse i radicali sono stati il nostro cavallo di Troia... :-)
 
nulla di tutto questo si è verificato???? ma dove vivi? ma le senti le dichiarazioni che fanno i rosa pugnati o stai ancora pensando ai vecchi tempi?

Guarda che casomai sono i radicali che si sono bosellizzati: scuola pubblica, scuola pubblica, scuola pubblica... tanto per dirne una
 
Come direbbe il caro e ottimo Daniele Cabezon:..."A Mercarè nun ce provà!" Se non picciotto di un padrino sarei allora servo di un padrone? Siamo ai processi nell'URSS del 1930? Stessi argomenti..servi e padroni comunque nemici da eliminare ? Se non è un insulto illiberale questo...Qui le patenti non le assegna ex post nessuno;ogniuno se le fa da solo in base a quello che scrive.
E temo che un certo modo di esternare si incongruo al sito che ci ospita.
 
Dissento su tutto il fronte :)
I radicali non dicono piu' nulla di radicale, sono atrofizzati.
Aggiungo che questa storia che se il centro sx vince è per i voti della Rosa: e chi l'ha detto? Mastella potrebbe sostenere il contrario, non trovi?
Per non parlare di Diliberto o Bertinotti.
Lasciamo perdere...
 
Ora passi tutto, ma sentirmi indicare come esempio di fattivo liberalismo il campione della deriva eticista spagnola, il paraninfo Zapatero, diventa davvero troppo. Il modulo (e perfettibile) di accesso alla sfera del diritto positivo, delineato sulla base delle peculiarità caratterizzanti proprie delle categorie civili che lo rivendicano, è liberale. Imporre a tutti lo stesso modello di "accesso" indiscriminato, anche a chi non gode delle cause formali e sostanziali che ne rendono plausibile l'intestazione giuridica, per di più a carico della previdenza pensionistica pubblica, è cripto-stalinismo.
Ribadisco una vecchia antifona: MENO MALE che l'unità liberale è venuta meno. Così ai seguaci di tale cultura si aprono le due alternative tipiche della democrazia - per l'appunto - liberale: attaccare lo statalismo prima e parlare di "diritti civili" poi, oppure mettere il carro del laicismo* davanti ai buoi della defiscalizzazione e dell'edonismo economico/professionale. A "destra" i primi, a "sinistra" i secondi.

*Laicità è un dovere dello stato, laicismo è un obbligo del cittadino. Nel primo caso le coordinate si incrociano sulla Rivoluzione Americana, nel secondo localizzano Robespierre, Rousseau o, al più, la breccia di Porta Pia. Potenza dell'intercambiabilità delle matrici semantiche.
 
"Imporre a tutti lo stesso modello di "accesso" indiscriminato, anche a chi non gode delle cause formali e sostanziali che ne rendono plausibile l'intestazione giuridica, per di più a carico della previdenza pensionistica pubblica, è cripto-stalinismo."

Quel verbo "imporre" stona leggermente, quando non mi risulta che Zapatero vada a puntare una pistola alla testa dei gay dicendogli "sposati!". Oppure l'"imposizione" sarebbe agli eterosessuali, privati dell'identità del proprio matrimonio perchè anche i loro vicini di casa gay si sposano?
 
Nihil, il matrimonio è un istituto illiberale in sé perché da privilegi ad una coppia, cambiare la formazione della coppia non è liberale, è semplicemente l'imposizione di una morale differente (come lo sarebbe creare il matrimonio poligamo, oppure facilitare il divorzio)

liberale sarebbe abolire il matrimonio, mercato ed individuo, no?
http://risposte.wordpress.com/files/2006/04/rosaepacs.gif
 
Ben ritrovato Candide di Heidelberg (ottimo il tuo pseudonimo), e saluti all'amico Tentellini, a cui dobbiamo fare tutti gli auguri come candidato nella lista dei Riformatori liberali di Della Vedova. Particolare che non mi è venuto in mente quando scrivevo l'articolo, e che invece giustifica pienamente la sua posizione contro i "cugini" dell'altra parte.
Caro Luca, a differenza di Sgarbi, Pannella e Dio (in ordine decrescente, ovvio), che non dicono mai "mi sono sbagliato", io mi cospargo il capo di cenere per questa dimenticanza. Colgo l'occasione, se mi leggi (ma poi ti mando anche una email) per cooptarti con piacere nel Comitato preliminare per l'unificazione dei Liberali italiani, che è già attivo
 
Massi' dai, giochiamo ad abolire il matrimonio, mettiamo un bel progenitore A e progenitore B come l'allegro Scarparo spagnolo, ritorniamo ai bei tempi degli equilibri tribali piu' simili alle mandrie che alla civitas.
Ma Riccardo che cacchio dici?
La famiglia nasce dal processo stesso di umanizzazione! E' affermazione dell'intelligenza umana sulla natura animale che non si autoconosce.
L'uomo e la donna invece si conoscono e mettono in relazione l'atto sessuale con quel che succede nove mesi dopo. Si assumono responsabilita', nascono le istituzioni, la proprieta' privata, l'educazione, insomma la civilta'.
Ma chissenefrega, buttiamo tutto in vacca per affermare una sedicente liberta' assoluta da dei(o da bestie).
Ventimila anni fa l'istinto si imponeva su una intelligenza ancora troppo verde. Oggi si impone su un'intelligenza ormai marcia. In entrambi i casi un'intelligenza assente. Ma la c'e' la stessa differenza che passa tra una vergine e una vedova.
Bello davvero: invece di chiamarla giungla, la chiameremo liberalismo?
 
a tentellì, nun ce provà tu.
evidentemente ho toccato qualche nervo scoperto....
questo vedere stalinisti, nemici da eliminare, processi sovietici, insulti illiberali... tutto questo per aver detto una banalità che è sotto gli occhi di tutti (quelli che vogliono vedere) e cioè che berlusca è il padrone del cdx...
ma fammi il piacere!
vedo che insisti nel mestiere di dispensatore di patenti, addirittura dici che il mio modo di esternare sarebbe "incongruo" con questo sito...ma rifammi il piacere! sento tanto puzzo di puzzetta sotto il naso da pseudointellettuale tanto pieno di sè e nient' altro.
trovo risibile anche questo continuo, non solo tuo, riferirsi ai radicali che "una volta sì che erano bravi. adesso invece, per carità!". non se ne può più.
 
Riccardo, anch'io potendo abolirei del tutto il matrimoni, sostituendoli con una sorta di "assicurazioni di comunità" che obblighino i firmatari a, che so, offrirsi a vicenda alloggio e supporto finanziario se necessario, in cambio di garanzie come eredità e visite in ospedale. Contratto che sarebbe accessibile a ogni gruppo di persone, dalle famiglie classiche ai conventi di monaci, alle comuni hippie.
Ma accettando che ipotesi del genere sono politicamente impossibili, è più equo dare l'accesso al "vecchio" matrimonio a tutti quelli che lo desiderano o solo a chi corrisponde ad un arbitrario modello tradizionale? (E insisto su quell'arbitrario: noi abbiamo la monogamia, ma se fossimo una democrazia in Arabia difendereste la poligamia con la stessa spada tratta? E sì, questo è relativismo culturale, prima che qualcuno lo faccia notare)

Per Stefano: mi spiace, ma direi che per gli umani il criterio del "naturale" vale meno che zero dai tempi della scoperta del fuoco. Non siamo esseri naturali, abbiamo un'intelligenza che ci consente di andare oltre il mangiare-figliare-morire. Faccio inoltre notare che tutti i tuoi argomenti danno nobiltà e prestigio alla famiglia tradizionale, ma nessuno toglie alcunchè alla legittimità di altre forme di famiglia.
 
Caro Nico, come vedi sono soggetti del tipo Mencarelli che sostanziano la tesi di quanto in realtà non sia la RnP ad aver inoculato liberalismo e laicità nella sinistra italiana ma, bensì, sia la RnP ad aver inglobato (in parte) dosi di post-comunismo vetero massimalista e intollerante e fornito il solito travestimento finto liberale ai soliti dispensatori di odio che sono, davvero (e si vede eccome) un reale pericolo per quel poco che rimane della nostra democrazia stracciona. E' proprio questa gente serva della propria cecità e di ideologie già sconfitte dalla storia, che non mi stancherò mai di avversare e contrastare.
 
Nihil, Stefano, mi avete equivocato, non ho detto che voglio abolire il matrimonio, e in fatto di leggi che agiscono sulla morale la mia posizione è semplicemente fascista; adesso smetto di rispondere che sennò usurpiamo a Nico Valerio il tema principale

ovvero: "scardinare la società è un must, il liberismo e la politica estera radicali possono andare alle ortiche"

alla prossima
 
tentellini, non intendo continuare questa stucchevole querelle, non vale la pena (e pena mi pare il termine più appropriato alle tue affermazioni nei miei confronti).
quindi d' ora in avanti non sprecherò tempo con te, titolare dell' "ufficio patenti/divisione buttafuori" del LIBERALISMO.
 
Cari amici, colleghi e avversari fedeli, per rientrare alla grande nel tema, molto attuale, avete visto che il Presidente Berlusconi mi ha dato ragione? Ha detto che se la CdL perde è colpa dei Radicali. Stefano mi aveva contestao su questo ironizzando.
Ma gli risponde benissimo un blogger che mi ha tolto le parole di bocca
http://liberopensiero.blogosfere.it
/2006/04/berlusconi_se_p.html
 
Aggiungerei che, in fondo, se il Cav. perderà queste elezioni la colpa è sua e dei suoi alleati statalisti e clericali.
Indiscrezione dell'ultima ora sui sondaggi: Unione in magg. alla Camera (quindi scatterebbe alla Camera il premio di maggioranza) ma, al Senato, pari pari o, se la Sicilia e Puglia restano "azzurre", lieve maggioranza Cdl al Senato.
Forza Italia un pò sopra la quota dei Ds (rimarrebbe a quanto dicono il primo partito). Io non ci credo.
Dunque fiducia non scontata per il governo Prodi e Mastella-Casini e Bossi ago della bilancia.
 
Nihil e' difficile risponderti visto che il mio punto e' esattamente quello che tu dici.
L'uomo si civilizza creando istituzioni umane non ritrovabili in natura (le pulci, le betulle, o i pinguini non mettono su famiglia, che mi risulti).
QUindi quando mi rispondi non pretendo troppo, ma almeno leggi cio' che c'e' scritto...
 
Stefano, è curioso che mi citi proprio i pinguini, animali monogami per antonomasia (sono persino una famiglia "moderna": quando la femmina è impegnata, il maschio cova le uova :). Quel che intendo dire è che proprio perchè l'uomo non dipende dalla natura per creare le sue istituzioni, il matrimonio gay, la poligamia o pure certe comuni hippy dove tutti scopavano con tutti valgono tanto quanto il matrimonio eterosessuale monogamico.

E ora cerchiamo di chiudere che mi sembra abbiamo deragliato abbastanza questo thread.
 
Ho letto le dichiarazioni di Berlusconi. Sono sbagliate, ma comprensibili sotto campagna elettorale.
Nihil: in nomen omen. Per te far crescer figli tra i pinguini, in una comune hippie, o in una coppia gay, tutto fa brodo.
Forse sarebbero meglio di tutti i pinguini, basta dare ai bambini un bel cappottino pesante...
Speriamo che tu non abbia figli.
 
Io da cattolico rido della superstizione.
Ma alla luce dei risultati elettorali penso che si potrebbe convenire su un fatto:
Pannella e Capezzone sono i re Mida della sfiga. Qualunque coalizione tocchino la sfracellano.
Mi permetto di suggerire una sana pratica di esorcismo.
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?