03 aprile, 2006

 

Centro-destra. La favola del leone e dei capretti compagni di merenda

Il leone invitò a merenda due capretti. Dopo aver loro offerto dell’erba fresca, si avventò sul primo e lo sbranò. Il secondo riuscì a scappare e si rifugiò su una roccia inaccessibile. Ma dal basso il leone lo andava rimproverando: "Ecco, per colpa tua, oggi non ho mangiato abbastanza. Se mi indebolisco, il cacciatore mi troverà e mi ucciderà. Ce l’avrai sulla coscienza".
Ma il capretto rispose: "Tu sei così astuto che ora ti atteggi a vittima, ma le vere vittime siamo noi capre, e d’ora in poi ci guarderemo bene dall’accettare i tuoi inviti".
Una nuova favola di Fedro? No, un apologo sulla politica insieme sfacciata, arrogante e dissennata della Casa delle libertà proprio sulle libertà. Dopo tanti inviti e dichiarazioni di intenti "liberali", Forza Italia si è pappata i liberali. I radicali, invece, sono riusciti a scappare e a mettersi in salvo. Ma ora quei furbi fanno finta di piagnucolare: "Se perdiamo sarà colpa vostra: come avete potuto farci questo?"
Morale della favola: neanche Esopo, Fedro e La Fontaine sentirebbero il bisogno di aggiungerla.

Comments:
Se andare in braccio ai catto-comunisti vuol dire mettersi in salvo siamo a cavallo!
 
Ma no, dai, non vedi che giganteggiano, impongono i temi ed hanno ridotto nell'angolo gli stronzi paleo-marxisti?
Li ho tenuti d'occhio in modo, ti assicuro molto critico (ero pronto a criticarli in modo impietoso, come si usa tra di noi liberali, spesso più esigenti con gli amici che con gli avversari), e ti posso "certificare" che non hanno cambiato di una virgolo il loro programma.
D'altra parte che potevano fare? Sono stati letteralmente cacciati da An Udc, Lega, il Foglio e perfino da una parte di FI. Tu saresti restato in queste condizioni?
La Destra è stata davvero ottusa: si è data la zappa sui piedi.
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?