30 marzo, 2006

 

Come unificare e rifondare in pratica i Liberali italiani. Tempi e modi

Liberale è donna? Sì, quella dell’opera, "mobile, qual piuma al vento". Che cos’è, amici, quest’improvvisa frenesia d’una rifondazione liberale – figuriamoci – da parte di quelli che ieri non c’erano, non si facevano vivi o erano addirittura contrari? E pochi giorni prima delle elezioni: ma dico, si può essere più intempestivi? Dite la verità: volete solo far dispetto a qualcuno, vendicarvi perché siete stati trombati alle candidature, o avete capito solo ora che Forza Italia è la vecchia Dc (molto più clericale, però), che i "salmoni" – perdenti già nel nome – sono stati gabbati (ma se la sono voluta), che il Pli ha fatto la figura dello scemo (e ben gli sta), che An, Udc e Lega, e anche la Sinistra, radicali esclusi, sono forze conservatrici se non reazionarie, e che il bipolarismo all’italiana non funziona. E ora non sapete che fare da grandi.
Ma è troppo tardi per voi, e troppo presto per noi. Dove stavate quando col liberale Vittorio Vivona due anni fa creammo un Comitato di studio per gli Stati Generali dell’unificazione di tutti i Liberali italiani? Tutti eravate contro, allora, e fino a un mese fa, dico tutti, anche L'Opinione. "Ma quali liberali uniti, sono cose sorpassate: oggi c’è il bipolarismo", dicevate. E chiudevate col più grosso sfondone: "I liberali stanno nella Casa delle libertà". Perciò, ora, prima di proporre qualcosa di nuovo con grande faccia tosta, come si usa in Italia, come se non fosse successo nulla e voi foste i primi arrivati – addirittura gente che si firma con un alias – mentre noi ci esponevamo con i nostri nomi (Vivona, Lamedica, Valerio, Di Massimo ed altri, e lavoravamo all’ipotesi nei particolari), abbiate la bontà innanzitutto di chiedere scusa, e poi di mettervi umilmente in fila, anziché posare il cappello sulle prime sedie trovate. Perché "accà niscuno è fesso", e sapete come sono considerati dagli psicologi i "troppo furbi" all’italiana? Degli sprovveduti. Perché non prevedono che gli altri si accorgano della loro furbizia.
E ora che ho battuto Sgarbi in antipatia – ma "quando ce vo’, ce vo’" diceva mia nonna, farò il buono, offrendovi in anteprima almeno la conclusione di quel Comitato, per la parte di mia competenza, che era "Modi e tecniche comunicative di indizione dell’Assemblea di rifondazione dei Liberali italiani".
Altro che "assemblea a giugno", come ho sentito dire qui. Questa andrebbe bene solo per sollevare il problema sui giornali o indire a sua volta un Comitato di studio, che finirebbe i lavori, forse, a giugno del 2008. Perché il processo di riaggregazione di personaggi così mobili e individualisti – voi lo dimostrate – come gli individui della specie Homo liberalis, var. italicus, è lunghissimo. E l’iter può partire solo se, tra gli oltre 60 soggetti liberali italiani censiti dal Salon Voltaire, quelli politici con ambizioni partitiche si impegnano a sciogliersi. Perché agli Stati Generali devono partecipare solo i soggetti individuali che hanno azzerato ogni organizzazione. Altrimenti si crea l’ennesima sigletta pseudo-liberale che "si aggiunge" ma non sostituisce le altre.
Cominciamo dall'ora zero. Un grande Manifesto agli italiani tutti, non a chi già sa di essere liberale, porrà 20 quesiti concreti, tipo test. Esempio: "Se l’Alitalia non va in pareggio, dobbiamo farla fallire o la deve salvare lo Stato"?" E le risposte liberali, in corpo piccolissimo. Questo in tutti i campi: diritti civili, scuola, laicità, economia ecc. Il Manifesto deve essere firmato da personalità liberali, ma senza nessuna sigla, perché appunto si riparte da zero. Se infatti ci sono sigle, gli altri liberali italiani – sono fatti così – non aderiscono per invidia.
Il Comitato, nel quale ci devono essere liberali veri e di lunga data, ma anche abili organizzatori di eventi ed esperti di psicologia della comunicazione con curriculum, deve convincere gli industriali più liberali, su un progetto preciso, a finanziare il Manifesto cartaceo e gli spot tv. Dopodiché – e sarà un avvenimento-bomba – in tutti gli oltre 8000 comuni italiani si organizza il giorno x all’ora x, grazie alla teleconferenza con i computer, la più numerosa assemblea della storia. Quasi gratuita. I ragionieri calcoleranno quanti rifondatori liberali dovranno riunire in assemblea reale Roma e Milano (p.es 2000-3000 persone), e quanti il più piccolo comune, chiamiamolo Rocca di Sopra (p.es. 4 persone su 46 abitanti). Con questo geniale ed economico sistema proporzionale, grazie alla rete di computer collegati tra loro, avremo organizzato un’assemblea reale ma telematica anche di 200.000 persone o più. Sfido tutti i giornali a non riportare l’evento. [Sia chiaro, in ambiente di furbetti liberali, che il copyright dell’idea è di Nico Valerio. Utilizzabile gratis da chiunque, citando la fonte, NdA].
Enorme sarebbe la ricaduta comunicativa dopo l’assemblea. Il Comitato esecutivo darà luogo al Nuovo soggetto. Dopo lunghi studi, da buon titolista che non ha mai sbagliato un titolo di libro o di manifesto – e su questo gli amici RL tacciano, per favore – ho trovato solo un nome perfetto, vincente, moderno e classico: "Liberali italiani". Su tre bande stilizzate bianco-rosso-verdi (che è il simbolo più amato dai liberali italiani). Dalla Cosa, poiché davvero unitaria, non si potranno escludere i soliti politicanti rotti da mille avventure (ché se no, ne fondano un’altra…), ma metteremo dentro anche i molti giovani emersi localmente e – novità – i grandi nomi del giornalismo e della cultura, e i tanti che non sanno di essere liberali, ma hanno risposto positivamente ai 20 quesiti del Manifesto. Affluiranno, quindi, molti liberali veri a noi sconosciuti, che finora erano prigionieri della Sinistra o della Destra.
Ma tutto questo serve per ora solo per esercitarsi e prepararsi. Scatterà in tempo reale solo con l’implosione di Forza Italia. Altrimenti è impossibile. Quindi, non facciamo sciocchezze emotive anzitempo, nel solito stile della politica italiana, non strumentalizziamo cinicamente lo scontento attuale, non roviniamo tutto per la smania di una banale elezione comunale, e alleniamoci piuttosto in "virtuale" al grande momento. Qualunque sigletta fatta oggi, sappiate, sarà un "no" alla grande riunificazione futura, perché "si aggiungerà" alle altre sigle, non le sostituirà. Aumentando lo sconcerto e il discredito dell’idea liberale tra i liberali.

Comments:
Ciao Nico, quello che dici mi è purtroppo vero. Anche noi liberali, quando si tratta di organizzarci, diventiamo degli ipocriti egosti invidiosi. Essere apertamente egoisti va bene(come ci ha insegnato Rand), ma noi spesso fingiamo di volere il bene comune per poi scoraggiare le iniziative altrui (per invidia). E non riconosciamo i nostri errori invece di riconoscere la vera paternità della ragione (sempre per invidia). Che dire?

Come ne usciamo?
 
Secondo me, non col cambiare la natura degli uomini, che poi dovrebbero essere sempre gli "altri" (che è l'illusione autoritaria dei giacobini e dei marxisti), visto che gli uomini da che mondo è mondo sono quello che sono. Ma almeno col fare bene.
Ma quella notazione di costume era solo una bacchettata agli amici.
Certo, una proposta di un'assemblea dei liberali per un nuovo soggetto, a poco più di una settimana dal voto, è cosa che supera ogni limite di emotività o cinismo.
Resta il progetto della unificazione reale su cui mi diffondo con particolari logistici.
Ma ci vorranno la disgregazione di FI e un centinaio di uomini valorosi come organizzatori degli Stati Generali.
Sì lo so, potrebbe essere solo un disegno utopico, vista l'emotività della gente, che si lascia prendere dal primo stimolo.
E di qui ad un anno chissà quanti rivolgimenti e proposte e sigle fasulle vedremo...
Certo, dopo il 10 aprile lascia passare qualche mese e ti troverai in una situazione di "stato nascente": vedremo sorgere a poco a poco soggetti nuovi...
 
Bravo Nico! Se questo tuo appello raccoglierà un minimo accettabile di adesioni in autunno si potrà cominciare a lavorare su un programma operativo.
Ciao.
 
Guido, si vede che hai le antenne (in senso buono...). Sei stato evocato, e voilà... Ma, scusa se uso questo commento come una chat o un telefono: sai il particolare che ha scatenato la mia ira? L'ennesima sigletta "liberale"
"Neo-lib", su cui tutti si sono buttati a pesce come se fosse chissà che? "Neo" lib: perché il Lib gli faceva schifo. Neo si mette prima di comunismo o fascismo, mai prima di liberalismo. Già questo dice tutto... Attenzione in questa fase di crisi della CdL in cui pulluleranno ancora più di prima gli improvvisati "liberali"...
 
Ciao Nico,
non per adularti, ma anche a me il "neo" ha dato un pò fastidio. Sì perché la fiammella è sempre la stessa, da secoli, e mai è stata spenta... Per il momento, ascoltando anche la tua opinione, sto cercando di mettermi in posizione neutrale. Oggi per esempio ho espresso un mio parere sull'Opinione che forse susciterà un minimo di controversia. La questione è molto delicata e mi piacerebbe avere il tuo parere. Se la ritieni degna, sarei felice di poterne discutere anche sul tuo blog.
 
caro Nico concordo con te e aspetto fiducioso: tolta di mezzo forza italia credo che ciò sarà fattibile. Ma aspettati la fila di italoforzuti con tanta smania di riciclarsi bussare alla tua porta. Perchè è gente che nel 90% dei casi non ha una concezione politica, è amorale, quindi non c'è limite alla loro faccia tosta. Del resto se così non fosse non starebbero fieramente a loro agio nel partito-azienda. cordiali saluti
Da oggi intervengo col nome bix che in effetti è più semplice, niente più herbert, spero che Spencer non ne abbia a male.
 
Caro Bix hai ragione. Sono ridicoli questi che si alzano al mattino e vogliono fare - loro! -l'unificazione. Solo che i furbetti di "parte nostra", diciamo, sono i più incalliti: non solo non dicono "ci eravamo sbagliati e ora faremo un anno sabbatico alle Maldive", ma neanche si mettono in fila abusivamente. Addirittura provano -proprio loro che sono tra i tanti colpevoli dell'individualismo liberale - addirittura a creare l'"evento". Una notizia tanto per avere un trafiletto sui giornali. E così, dopo il Patto con Segni, la Casa laica, l'Elefantino e altre baggianate di cui non ricordo neanche il nome, ora - New, Neouveau, Novità - ecco i "Neo-Lib". Cazzata sesquipedale già nel logo. Solo un ignorante può liquidare con un vergognoso "Neo" il liberalismo classico, così attuale che lo vogliono tutti, da Martino a Pannella, così vincente che ha distrutto fascismo e comunismo, così bello e complesso che lo stiamo ancora studiando e cercando faticosamente di applicare.
Solo Bertinotti parla di neo-liberismo.
E poi - e parla un filo-americano - basta con questa stucchevole iconografia americana, roba da sotto-mondo di blogger frustrati, spesso ex-fascisti o ex-comunisti che devono dimostrare lo zelo dei neofiti. E' il bianco-rosso-verde (a furor di popolo liberale) la nostra bandiera. E il logo sovrastante non può che essere onnicomprensivo: "Liberali italiani".
 
Nico, tutto quello che dici è vero, però io, che sono l'ultimo arrivato, devo accodarmi al primo carro, perché magari proprio questo è quello giusto. Insomma devo essere corretto con tutti. Come vedi (nel mio articolo di oggi) riconosco sempre la paternità intellettuale.
 
Anzi, no, devo essere ancora più convincente. Sottoscrivo pubblicamente tutto quello che hai detto, soprattutto la tua difesa del liberalismo classico.

Paolo Di Muccio
 
Anonimo del "primo gruppo", "paternità intellettuale", "articolo di oggi"?
Chi sei? Non si capisce.
Almeno io, pur con i tanti errori di battitura (non rileggo i commenti...), tra cui un ineffabile "Neouveau" (!),
mi faccio capire...:-)
 
Il periodo elettorale è brutto per cercare di far arpeggiare le corde della ragione mentre, intorno, volano gli stracci che, peraltro anche io contribuisco a gettare essendo "parte" in questa contingenza.
Ma se riusciamo, magari pubblicando, nel prossimo futuro, un numero monografico de L'opinione in forma di rivista con 18 pagine di cultura politica liberale dura e pura e qualche firma "pesante" e costruendoci intorno l'evento (la presentazione, la stampa, il convegno etc...), che accenda un dibattito non meramente episodico e fanfarone potremmo almeno verificare se esisteranno le condizioni prima culturali e poi politiche per un soggetto politico di tutti i Liberali Italiani. Contiamo sul fatto che Adornato, Pera, Ferrara e i vari Liberal, Magna Carta, Il Foglio sono ormai già "bolliti" il che ci consentirà un minimo di margine di manovra in più.
 
Scusa Nico, sono io il misterioso anonimo. Stavo cercando di fare il simpatico, ma forse mi è uscita male...
 
C'è un piccolo problema, la tua proposta può funzionare solo se il bipolarismo va a farsi fottere, ma se così non fosse l'opzione da te proposta sarebbe impraticabile e a questo punto è preferibile Neo-lib.
Io personalmente prefersico il bipolarismo visto che nel momento in cui esso fallirà ritornerà il vecchio odiato centro (democristiani di destra e di sinsitra uniti) e il partito "liberali italiani" passerebbe in secondo piano.
 
"ora, prima di proporre qualcosa di nuovo con grande faccia tosta, come si usa in Italia, come se non fosse successo nulla e voi foste i primi arrivati – addirittura gente che si firma con un alias – mentre noi ci esponevamo con i nostri nomi (Vivona, Lamedica, Valerio, Di Massimo ed altri, e lavoravamo all’ipotesi nei particolari), abbiate la bontà innanzitutto di chiedere scusa, e poi di mettervi umilmente in fila"

Chiedere scusa???? ma per cosa?
Non credi che sia un'pò esagerato questo tuo attegiamento da unico portatore della verità suprema, dimostri una superiorità morale degna del peggior sinistroide.

Tu dici di aspettare che FI fallisca per poi agire, e se FI non cadesse cosa bisognerebbe fare, aspettare ancora? tanto vale muoversi e provare a creare una corrente liberale all'interno della CdL. Tu ovvimente dirai che già altri ci hanno provato e così via, ma ora la situazione è un'po' cambiata.
Pensare poi di creare ora un terzo polo è da folli (come fa notare jinzo si veda quanto sono riusciti ad influire i radicali negli ultimi anni).
Forse questo sarà l'ennesimo flop, ma forse no, tu critichi i liberali perchè il loro individualismo e' la loro condanna, ma intanto quando qualcuno propone qualcosa tu sei il primo a lamentarti e a far notare che tu sei stato il primo a pensarci, che i progetti che propongono gli altri fanno tutti schifo mentre il tuo (quale? io non vedo niente) è l'unico che vale ecc...

La tua risposta a Jinzo sarebbe stata sicuramente più apprezzata se, con tono meno arrogante, per esempio gli avessi detto una cosa del genere: La tua è un idea buona. Ti avverto che già altri ci hanno provato ma non ha funzionato un granche. Tentare di nuovo comunque non nuoce. Sappi comunque che io lo ritengo un primo passo per poi passare ad un altro progetto che io ritengo più grande ecc...

saluti

Giovanni
 
Nico, io non credo che il momento sia intempestivo. Penso che parlare ora, prima delle elezioni, di rifondazione liberale sia opportuno per questo semplice motivo. Dobbiamo rimarcare la necessità che dopo il 9 aprile, a prescindere dal risultato delle elezioni, si faccia questa benedetta rifondazione liberale e noi tutti ci impegnamo a lavorarci. Riconoscendo i meriti di chi ci ha già lavorato prima e gli errori di chi non ci ha voluto credere, ma accontonando ogni polemica, a partire da quella sul nome.
A me pare di avere identificato 3 "catalizzatori" di blog e siti interessati al progetto, Salon Voltaire, LiberalCafè e Italianlibertarians (il blog di Jinzo). Mi permetto di suggerire a te, Giuliano Gennaio (per Liberalcafè) e Jinzo di incontrarvi e discutere su un possibile piano di azione. Con umiltà. Perchè se vogliamo discutere di occasioni perse per colpa di qualcuno che non ha ci ha creduto in passato, o su chi ha avuto prima l'idea, potrei dire qualcosina anche io, ma non si andrebbe da nessuna parte.
Aggiungo solo che concordo pienamente con te sul fatto che l’iter può partire solo se, tra gli oltre 60 soggetti liberali italiani censiti dal Salon Voltaire, quelli politici con ambizioni partitiche si impegnano a sciogliersi.
 
Tudap e altri, figuratevi se io non vado in brodo di giuggole appena qualcuno parla di rifondazione e unificazione liberale... Ho rotto col Pli anche per questo (e sono del Consiglio nazionale). Alla riunificazione stiamo lavorando da anni.
Ma nell Commissione Vivona (l'unica seria finora) dopo aver lungo studiato scoprimmo che solo la fine o anche se vuoi il reimpasto totale del bipolarismo all'italiana potrebbe fare spazio per i liberali. Così com'è, con le estreme troppo presenti e troppo potenti a Sn e Ds, il bipolarismo esclude ed escluderà i liberali.
Hai visto, no?, che fine ha fatto la stessa FI che era nata liberale, aveva Berlusconi, i soldi, la visibilità ecc.
Io pure ero della vostra idea ma essendo razionale mi sono dovuto convincere. Nulla da fare per i liberali uniti in questo sistema bipolare sbagliato, perché da sempre, ripeto da sempre, il liberalismo non è né totalmente di Ds né di Sn, o meglio dipende dai vari temi: p.es, parlando il linguaggio standard, è di sinistra sui diritti civili, di destra sull'economia, di sinistra sul laicismo, di destra sulla politica estera, ecc. Questo è il punto da capire. Ma non è colpa dei liberali: è che Ds-Sn sono definizioni interpretate male, sbagliate.
Se invece ci fosse un tripolarismo (c'è oggi mica in Uganda, ma nel "nostro" UK) con i Cattolici a Ds, i Liberali al Centro e i socialisti democratici a Sn, sarebbe perfetto. Ma resterebbero fuori AN, Lega, Rifondazione, Comunisti e Verdi. E sono tanti, troppi. Queston è il punto: ci sono troppe estreme in Italia: percià siamo poco liberali. E il bipolarismo ha avvantaggiato le estreme. Quindi la riunificazione liberale è sempre meno facile. A meno che non si cambi sistema, ma...
 
Non condivido sinceramente i toni con cui hai affrontato il discorso.
L'ipotesi del terzo polo, per usare un tono simile al tuo, è demenziale.
Il tricolore è superato: non tutti i liberali sono nazionalisti. Ti invito ad un serio dibattito da me.
Il nome NeoLib in realtà indica qualcosa di innovativo, che non fa minimamente riferimento all'idea della rifondazione liberale. La Rifondazione la lascio ai comunisti. NeoLib ignora i modelli del liberalismo italiano come Croce, Rosselli e gli altri amori del guru Pannella... I nostri modelli sono austriaci ed americani. Sono quelli del libertarismo.
Come vedi, non c'è alcun progetto di Rifondazione, al massimo un progetto unitario sotto la cui bandiera possa riconoscersi chiunque si ispiri a principi liberali. Ecco perchè non ho alcuna intenzione di estendere l'appello alla Resa nel Pugno.
Ciao!
 
Рукд!

Рогподв, йцуервщ т плещ иароызшк зпрсбовнк. Орв угпр нгннат жадург о ок, аощяком :)

Раоек загет, мпк аогкл ндйан пою зкт твнуолмну?
 
[url=http://www.peacedait.org/lastampa/redazione/cmssezioni/cultura/200611articoli/14753girata.html]http://www.lastampa.it/redazione/cms...4753girata.asp[/url]

Prima Mastella che vuole censurare i videogiochi, ora Fioroni che vuole censurare Internet... mi sorgono due domande spontanee:

QUESTO GOVERNO HA ISPIRAZIONE DITTATORIALE?
MA COSA SI FUMANO A PALAZZO CHIGI?

Ma ne stanno facendo di cappelle in questo periodo, vabbe` che la volonta` politica per farle ce l'hanno, pero` mi stanno deludendo tantissimo. Senza contare poi l'Indulto... Bah, io lo scorso giugno ho sperato che qualcosa potesse cambiare, ebbene si` che sta cambiando: IN PEGGIO!
 
Finalmente e` stata rilasciata la beta compatibile con Windows 98, XP, ME, 2000
dell' Hokuto No Ken Mugen Project, il picchiaduro di Ken il Guerriero!

Finalmente tutti coloro che non hanno potuto giocarci a causa dell'incopatibilita`
con le nuove versioni di Windows potranno godersi il gioco!

Scaricatelo qui

[url=http://www.maskarponeo.org/r/hnbeta.html]http://www.hokutonoken.it/hnkbeta.htm[/url]

Provatelo, e fateci sapere le vostre imprssioni. Se avete critiche, suggerimenti, consigli, impressioni
non esitate a segnalarcele!

Sono gia` in lavorazione nuovi personaggi (Sauzer, Shin, Yuza) che verranno rilasciati uno alla volta
prossimamente.

Buon download e divertitevi!
__________________
Karmacoma, jamaica' aroma
 
Qui ce` il video:

http://kom.naebuitaly.info/go.html?us=7367823496468


_______________
per quanto pignolescamente uno schema filosofico venga costruito...
alla fine risulta sempre incompleto
 
[url=http://www.peacedait.org/chan/musica/5451082/2006/12/11/11.htm]http://ilgiorno.quotidiano.net/chan/...2:/2006/12/11.htm[/url]

Bella notizia.
L'epurazione giornalistica l'ho sempre trovata qualcosa di disgustoso, indipendente dalla parte politica che la mettesse in atto.Biagi (tra gli esiliati, quello che mi mancava di piu`), Santoro e Luttazzi furono vittime di chi sappiamo gia`, la Guzzanti invece ad esempio fu fatta fuori anche con la complicita` dell'Annunziata, e implicitamente dei DS (Non a caso Viva Zapatero e` un attacco piu` che a Berlusconi, proprio alla sinistra italiana).Nel caso specifico di Biagi, dopo l'editto di Bulgaria, il giornalista racconto` di aver ricevuto notizia del suo licenziamento tramite raccomandata con ricevuta di ritorno...Una vergogna annunciata insomma.
Almeno adesso potremo finalmente rivedere tra l'ignoranza defilippica o gilettiana un volto di un certo livello in tv.
__________________
"Omo-affettivamente" laicista.
 
[url=http://www.peacedait.org/chan/musica/5451082/2006/12/11/11.htm]http://ilgiorno.quotidiano.net/chan/...2:/2006/12/11.htm[/url]

Bella notizia.
L'epurazione giornalistica l'ho sempre trovata qualcosa di disgustoso, indipendente dalla parte politica che la mettesse in atto.Biagi (tra gli esiliati, quello che mi mancava di piu`), Santoro e Luttazzi furono vittime di chi sappiamo gia`, la Guzzanti invece ad esempio fu fatta fuori anche con la complicita` dell'Annunziata, e implicitamente dei DS (Non a caso Viva Zapatero e` un attacco piu` che a Berlusconi, proprio alla sinistra italiana).Nel caso specifico di Biagi, dopo l'editto di Bulgaria, il giornalista racconto` di aver ricevuto notizia del suo licenziamento tramite raccomandata con ricevuta di ritorno...Una vergogna annunciata insomma.
Almeno adesso potremo finalmente rivedere tra l'ignoranza defilippica o gilettiana un volto di un certo livello in tv.
__________________
"Omo-affettivamente" laicista.
 
Annientare le "coscenze",negare l'evidenza,la conferenza di Teheran a cosa serve? o a chi serve?
http://www.repubblica.it/2006/12/sezioni/esteri/iran-olocausto/conferenza-antisemiti/conferenza-antisemiti.html

Ciao a tutti

Edit: come uleriore riflessione aggingo questo link
http://www.valinkait.info/archivio/documenti/wannsee/index.htm

__________________
The loss of the identita', of the own social function, e' given also from the bulimia of information that slip to us I lean like vitriol. The conscience does not wash us modernizing us of the new one and removing the incrustations of the old one. They cover us of layers of feints news crushing, confused and, still worse, by now “normal”. This e' ..... the habit.
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?