10 marzo, 2006

 

Corano e Vangelo alleati? Basta con le religioni a scuola

Sta accadendo proprio quello che il Salon Voltaire aveva previsto. Altro che scudo all’Occidente, come vaneggiavano i fanatici cattolici, gli sgrammaticati Manifesti "a pera", e i falsissimi politici teocon, sempre più, in francese "teologi coglioni". La Chiesa è pronta, sùbito, a calare le brache e ad allearsi all’Islam, contro le libertà e l’Occidente. Vangelo e Corano uniti, come volevasi dimostrare. Perché sia per i cattolici fondamentalisti, sia per gli islamici, il nemico è lo stesso: la liberal-democrazia occidentale. Tra cani non si mordono, anzi, si alleano, e più uno morde l’ignaro passante, più l’altro si eccita all’odore del sangue e si avventa sul polpaccio ancora libero.
"La Chiesa dà il via all'ora di religione islamica nelle scuole" hanno intitolato giornali e tv. Siamo ormai al ripristino dell'imprimatur pontificio. "Si comportano così perché la nostra classe politica ha paura di fare scelte e di prendere posizioni con forza contro il clericalismo" ha commentato in sintesi la Bonino a Radio radicale. In apparenza, il cardinale Martino aveva detto cose di buon senso. "Se in una scuola ci sono cento bambini di religione musulmana, non vedo perché non si possa insegnare la loro religione. Questo è il rispetto dell'essere umano", ha detto il cardinale. "Se attendiamo la reciprocità nei Paesi rispettivi dove ci sono cristiani, allora ci dovremmo mettere sullo stesso piano di quelli che negano questa possibilità". "Ma l'Europa, l'Italia è arrivata a punti di democrazia e il rispetto dell'altro che non può fare marcia indietro. Se quindi ci sono persone di altra religione nella realtà italiana, bisogna rispettarle nella loro identità culturale e religiosa".
Detto così, sembra tutto quasi giusto, molto democratico. Peccato che in carenza di smentite, cioè d'un vero potere dello Stato laico, la stampa ha giustamente interpretato queste dichiarazioni come il "permesso", anzi il "via" dei veri reggitori della cosa pubblica in Italia, cioè le autorità ecclesiastiche, ad un'ulteriore ora di religione, quella islamica. E poi, è sempre un cardinale a parlare, che non parla di questioni interne della Chiesa, ma di novità da istituire in casa d’altri. E’ lui che paga? Offre lui i locali per l’insegnamento? No, si riferisce a soldi e a locali pubblici pagati dagli Italiani: è qui la sua doppiezza e prepotenza. Facile e ipocrita fare i generosi col borsellino degli sconosciuti, quando non si pagano le tasse e già si prendono i soldi degli Italiani con l’indebito Otto per mille. Perché la Chiesa non istituisce dei corsi di islamismo? A sue spese, però. Vogliamo vedere le file di islamici che entrano dentro il Vaticano.
Grazie al cardinal Martino per essere uscito con questa sua provvidenziale boutade, detta con tono decisionista di chi è abituato a comandare a bacchetta in casa d’altri. Proprio mentre noi liberali e laici non ne possiamo più dell'insegnamento pubblico della religione, che esiste solo in Italia, arriva lui bel bello (psicologia, zero) a proporre "altre" ore di religione, per gli islamici. Certo, perché no, anche per buddisti, ebrei, protestanti, ortodossi, animisti, confuciani. E ateisti, no? Scherziamo? Se si insegna tutta questa religione – e diciamo sul serio – pretendiamo che si insegni anche l’ateismo. Siamo d'accordo con G.Cesare Vallocchia di No God. Se non altro come antidoto a tutto il carico di autoritarismo psicologico e sopraffazione fondato sul nulla che questo genere di insegnamenti porta con sé: "Vuolsi così colà ove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare", scriveva Dante. Spirito critico, addio. Davvero un buon percorso educativo per gli studenti del 2000. E poi ci si lamenta se i ragazzi a diciott'anni vengono fuori dalla scuola come babbioni senza idee.
Al cardinale così attento al rispetto dell’identità degli islamici (di quell’Islam che ammazza i preti cattolici), così masochisticamente altruista, a spese nostre, che sembra uscito dal santino in cui un S.Giorgio di oggi offre metà del suo mantello al nemico terrorista, anziché denunciarlo alla polizia, ricordiamo che prima dovrebbe chiedere il parere dei cittadini italiani, poi dovrebbe rispettare la logica e il buon senso, poi la separazione tra Chiesa e Stato, tipica dei Paesi liberal-democratici, infine l’identità e le idee di coloro che non amano la religione a scuola, tantomeno vogliono pagarla sotto forma di tasse. E, fossero pure un’esigua minoranza, poiché non si deve fare violenza alle coscienze, come fa spesso la Chiesa, vanno rispettati.
E invece, ecco il clericalismo più prepotente e ottuso: parlare da politico e statista, "proporre" oggi per imporre domani a tutti gli italiani, compresi gli atei, gli induisti e gli ebrei, (che devono accollarsi le spese, sotto forma di tasse che servono a pagare gli insegnanti) le proprie idee integraliste sulla religione a scuola.
Dice: ma un cittadino italiano, sia pure in tonaca, non può dire la sua? Ma è illiberale. No, come un poliziotto, un prefetto, un magistrato, perfino i Presidenti delle Camere e della Repubblica, i preti, i vescovi, i cardinali e i papi, perché rivestiti di un ruolo elevato e super partes hanno "meno" diritto di parola dei cittadini comuni.
Perciò, è ora di dire finalmente basta alla religione nelle scuole di Stato. E’ una vergogna tipicamente italiana, questa del clericalismo cattolico. Body and Soul, corpo e anima, diceva la canzone, che poi Coleman Hawkins trasformò in un geniale assolo di sassofono. Come i sacerdoti antichi che offrivano agli Dei il perfumun delle vittime sacrificali, ma riservavano a sé l’arrosto, così la Chiesa vuole il corpo (i soldi dell’Otto per mille) e l’anima (le coscienze degli ignari e malleabili studenti). Un raggiro che non esiste in nessun altro Paese, e deve sparire al più presto.
Basta all’Otto per mille, per qualsiasi chiesa, basta con le ore di religione a scuola, oltretutto con insegnanti scelti dai vescovi (figuratevi il livello culturale: ne ho conosciute un paio di ragazzotte "laureate" in improbabili università cattoliche, tipo "S. Maria Non Mi Ricordo più": roba da giornaletto di enigmistica o da bigino Bignami. "Insegnanti", chiamiamoli così, scelti dai vescovi, ma pagati dallo Stato, cioè da noi. I vescovi non pagano mai niente, intascano solo.
"Riteniamo che l'insegnamento religioso non si debba impartire nelle scuole di Stato, che per definizione dovrebbero essere aconfessionali, ma nelle chiese, nelle sinagoghe, nelle moschee, nei templi, ecc. Naturalmente a spese del richiedente", ha giustamente detto in un comunicato dell’Aduc, Primo Mastrantoni
Una vergogna, una vera vergogna. Che costerà alla Casa delle libertà, che ha puntato stupidamente sul clericalismo e l’asservimento alla Chiesa, parecchi voti di liberali che non ne possono più delle prepotenze psicologiche e morali delle gerarchie cattoliche. E ora vogliamo ridere: che diranno quei cattolici estremisti di destra "alla Fallaci" (peccato che sia atea) che blateravano contro l’Islam? Faranno mea culpa? Ci aspettiamo che per la rabbia diventino anticlericali. Se sono coerenti, tutti i blogghisti di Tocqueville dovrebbero votare la Bonino e Capezzone...

Comments:
...mammia mia, quante follie giacobine ci sono scritte in questo post! GM
 
Mariniè, per cortesia, invece di rispondere tipo campanella di Pavlov, ci fa un bell'esempio virgolettato di follia giacobina presente nel post?
Grazie.
 
Caro Nico, come al solito c’è tra noi una certa (sana) divergenza di opinioni; io non trovo grave che il Cardinale Martino abbia detto quello che ha detto, certamente con scarso tatto. Ha gli stessi diritti di qualsiasi altro cittadino della Repubblica; il fatto che sia un cardinale non lo trasforma in un cittadino di serie B (e non rappresentando nessuna istituzione italiana non possiamo pretendere di applicare al cardinale quei limiti che doverosamente deve avere nel parlare in pubblico chi rappresenta una istituzione dello Stato). E non è detto che il cardinale abbia fatto gli interessi della Chiesa, sia per mancanza di tatto sia perché certe dichiarazioni possono provocare effetti contrari: quando tutti si affollano per voler dar lezioni di religione nelle nostre scuole la reazione potrebbe essere “sì” a tutti o anche una certa tendenza a dire “sì” a nessuno.

Quello che trovo grave, anzi gravissimo e rivelatore di vero clericalismo, è il come è stata data la notizia nel telegiornale della sera (ore 20.00): la lettrice/giornalista ha presentato la notizia con le parole “via libera della Chiesa all’insegnamento della religione islamica nelle scuole”; esclusa ogni impensabile ipotesi di ironia la giornalista ha inconsapevolmente confuso lo Stato Italiano con la Chiesa. La giornalista in pratica comunicava che la Chiesa autorizzava lo Stato a permettere l’insegnamento della religione islamica nelle scuole italiane (questo mi è sembrato il senso della comunicazione). Ed è questo quello che preoccupa: la confusione tra Stato e Chiesa che sembra fatto naturale, fisiologico e indiscutibile. Fatto favorito dai nostri cari politicanti che hanno scarso senso dello Stato e per qualche voto in più sono di solito pronti ad essere servili nei riguardi della Chiesa, ma lo sarebbero anche verso “Satana” se questo gli portasse vantaggio, trascinando in questo le Istituzioni e il “sentire” di chi ha scarso senso critico e scardo senso della divisione dei ruoli e delle differenze che ci sono tra Chiesa e dello Stato.

Ciao. Guido
 
I veri fondamentalisti sono coloro che scrivono post come questi, rigurgitanti di luoghi comuni, di falsificazioni, di bestialità sesquipedali.
I veri fondamentalisti sono coloro che confondono, da zotici, la laicità dello stato con la laicizzazione della cultura.
I veri fondamentalisti sono i quattro pseudoliberali ottocenteschi, rimasti all'apologia di Targhini e Montanari, che per rivitalizzare la loro cultura ormai morta tentano la carta - patetica - di gridare all'assalto dell'alleanza islamico-cristiana contro il loro mondo di liberi bordellatori insaziabili.
Naturalmente quell'alleanza non c'è, naturalmente la religione è e continuerà a essere parte della cultura "viva" di una scuola che non è dello Stato ma della società, naturalmente post come questi resteranno bava silente sulla bocca di certe mummie incartapecorite.

Bernardo
 
Sì hai ragione Guido, ma la frase sul "via libera" dalla Chiesa, che giuro di avere scritto, non l'ho più trovata nel mio testo....
(frasetta che ora sarò costrettoa mettere da qualche parte)...
Che le Superne Autorità, che ormai mi conoscono, m'abbiano fatto cliccare il tasto sbagliato, cancellando la frase principale?
Sai, coi poteri sovrannaturali c'è poco da fare...-:)
Comunque anche sulla "libertà di parola" degli alti gradi, v. quanto accennato nel mio post
 
E storicamente ingiustificata la confutazione della proposta Martino su base del "mangiapretismo" ottocentesco, ma non è priva di fondamento l'avvertimento di un pericolo reale, per i fatto che il contrasto all'Islam in Occidente viene fatto su base liberal democratica(morale) e non teologica, che dovrebbero fare i vescovi, invece si condanna la morale islamica senza confutare le premesse teologiche da cui quella morale logicamente deriva. Questa è la grande impostura politico-religiosa per il prossimo secolo.

http://elezioni-politiche-2006.blogspot.com/
 
Tempo addietro mi accusasti di impugnare larvate antifone neofasciste, per poi citarmi il luminoso esempio fornito da un anticlericale di specchiata coerenza come Giorgio Albertazzi (peccato che sia un ex-repubblichino, lui). E adesso, dimentico della regola che prescrive di contare fino a trenta, all'occorrenza anche fino a sessanta, prima di postare articoli a interazione statica, ti dai l' "autonomia critica" degli atei sui piedi con così adamantina noncuranza? Ateo uguale spirito libero, credente uguale paranoico in sedicesimi. E vabbè: da scettico inveterato, potrebbe anche essermi di complimento. Ma riandare alla Fallaci - evidenziandone l'ostentato ateismo, per di più - ohibò! Come sarà mai che proprio un'atea (libera, critica, indipendente, quindi) si rende apripista dell'ampio movimento di rivalutazione del retaggio culturale cristiano - che, guardacaso, è l'unico al mondo che abbia generato dei contesti politici nei quali professarsi non credenti non costituisce reato penale? Non sarà che la "liberaldemocrazia", quando perverte ad ateismo di stato, sega il ramo su cui sta seduta? Ciao.
 
Ismael dovresti contaree fino a 3000 prima di scrivere. Se ci sono le religioni a scuola ci deve essere anche l'ateismo. Altrimenti nessuna religione. Proprio per pluralismo. Se no andate alle scuole dei preti. Non potete obbligare gli altri a pagare la vostra ora di religione.
Ti dice niente che c'è solo in Italia? Basta coi privilegi, questi sì clerico-fascisti. Il liberalismo non vuole privilegi: tutte le religioni sono uguali.
E se c'è anche uno non cattolico o non credente non gli si può fare - come siete abituati a fare da secoli - violenza morale e psicologica (perché la Chiesa è spesso stata violenta in questo senso)
E sono fatti privati, come le altre idee. Stop. E' inutile che insistete: volete convertirmi? O portate argomentazioni logiche (ma non le avete) o statevene zitti.
C'è l'ora di religione in UK o Usa? No.
Una testardaggine degna di miglior causa.
Tanto mettetevi l'animo in pace, prima o poi verrà tolta. E non c'entra niente con la bipartizione Destra-Sinistra
 
Din din! Altra campanella di Pavlov. Caro Bernardo, secondo lei la scuola (pubblica) non è dello stato (democratico), ma della società.

Vuole fare autogestione? Vuole il '68? Vuole consentire l'ora di satanismo, visto che esistono i metallari? Vuole insegnanti con titoli di studio non riconosciuti?

Lei difende privilegi di casta, e parla come un sindacalista, se lo faccia dire.
 
Anonimo, meno male che ci sei tu
 
Ma quale autogestione? Quale '68? Caro anonimo, lei non ha capito una benemerita ceppa. La verità è che avete un pensiero antiquato e demagogico che spacciate per contemporaneo.
Laiche devono essere le istituzioni, mentre la scuola (o la politica) non possono che riflettere la società nel suo oggettivo (e collettivo) essere parte in causa. La laicità della scuola e della società è un concetto ridicolo e contraddittorio fondato sulla confusione (spero almeno in malafede) tra laicità istituzionale e laicizzazione culturale.
Ma, me ne rendo conto, questo è un modo di pensare troppo libero e razionale per dei bersaglieri ottocenteschi in pensione.
Altro che campanella di Pavlov: voi rispondete solo al campanaccio bovino.

Bernardo
 
Perché la scuola, guarda caso, dovrebbe prevedere un'eccezione "evolutiva", molto marxiana tra l'altro, alla regola della laicità per legge?
Quale sarebbe l'automatismo che per miracolo (oops, che gaffe...) dovrebbe portare da una non precisata "società" (e chi la rileva 'sta "società"? Un Comitato Scienza & Vita made in Vatican?)ai regolamenti scolastici?
Inutile cincischiare: la religione a scuola è un residuo temporalistico e clericale grave.
E, ricordo, annoia gli studenti e non conquista un'anima, credeteci. Anzi per voi potrebbe essere controproducente. Lasciate perdere, è un sistema di plagio del tutto inefficace. Basta e avanza la storia della filosofia, diceva il buon Croce (nomen non omen).
Ti dice nulla che Capezzone ha studiato dai preti, il direttore dell'Unità, Padellaro, ha studiato al liceo Massimo (gesuiti) e io a 5 anni ho fatto l'asilo dalle suore?...-:)
 
Nico se devi parlare di Chiesa, sarebbe meglio informarsi, non seguire a naso i primi titoli di giornale che aizzano la tua furia di cultore di Podrecca:
"Dei capi di curia in attesa della porpora cardinalizia solo tre la riceveranno. E tra quelli rimasti al palo il più famoso, l’arcivescovo Michael Fitzgerald, non solo non è stato promosso cardinale, ma è stato retrocesso a nunzio in Egitto.
Passo dopo passo, con poche decisioni mirate, Benedetto XVI ha già espugnato due roccaforti curiali a lui avverse: [...] il pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, con la destituzione da presidente di Fitzgerald. E ora tutti aspettano o temono, in curia, che il prossimo colpo cali sulla segreteria di stato, col pensionamento per superati limiti di età del suo titolare supremo, il cardinale Angelo Sodano"
Questo e' un passaggio di un buon articolo di Sandro Magister sulle ultime decisioni del Papa, che sta cominciando, senza dar troppo nell'occhio, a modificare gli equilibri della curia.
Tu sei proprio sicuro che quel che dice Martino sia nella linea di quel che pensa e fara' Benedetto XVI?
Quanto scommetti?
Siamo seri. Che ci siano cattolici, anche cardinali, che la pensano come Martino e' ovvio. Ma parlare della "Chiesa" vuol dire non capirne una sverza.
Ci si dovrebbe limitare a parlar di cio' che si sa. Tu quando parli di Chiesa ti allupi come un mannaro di luna piena, perdi il lume della ragione ed ululi concetti.
Stefano
 
A chi chiedeva dove fossero i passi anticlericali.
Che mi dice di questi due:
1. "i veri reggitori della cosa pubblica in Italia, cioè le autorità ecclesiastiche"
Paranoia purissima, con una punta di mania di persecuzione, velata di ossessione religiosa.
Sembra tratto dall'Invasione degli ultracorpi. Wow!
Cos'e' una congiura demo-pluto-cattolico-massonica?

2. "come un poliziotto, un prefetto, un magistrato, perfino i Presidenti delle Camere e della Repubblica, i preti, i vescovi, i cardinali e i papi, perché rivestiti di un ruolo elevato e super partes hanno "meno" diritto di parola dei cittadini comuni".
La seconda frase e' di uno che si dichiara liberale a tutto tondo.
E che mi mette insieme gli ecclesiastici a militari, polizia, e magistratura. Un eroe della teocrazia, praticamente.
A quando una "moderna" proposta di leggere per la costituzione civile del clero?
Nico, se ti serve un testo gia' collaudato, basta chiedere a parigi. Qualcosa del genere lo fecero nel 1789, se la memoria non mi inganna.
E manco solo i vescovi e i preti, pure i papi (plurale!!!).
Ecchissaraimai, Enrico IV Imperatore? Federico Barbarossa? Di cognome fai Hohenstaufen?
Sono quasi commosso. Grazie delle risate.
Stefano
 
Stefano la tua nota è molto sensata. Sappiamo di questa evoluzione in fieri della linea del Vaticano e forse anche della Chiesa.
Ma io vengo dal giornalismo, e qui faccio del giornalismo, sia pure di opinione e commento "pepato". Per me è tutto relativo, momento per momento, ma ogni notizia va commentata. Anche perché non c'è stata, subito dopo, una opinione altrettanto forte di segno opposto. Quando si verificherà quello che dici-auspichi allora farò un altro pezzo (sempreché riguardi anche di striscio il pensiero liberale, perché Salon Voltaire è fatto solo per questo: è monotematico).
 
regola della laicità per legge

Marxiana sarà un'idea come questa, di sicuro non la mia.
Ma che significa "regola della laicità per legge"?
Lo ripeto: fai confusione. Laiche devono essere le istituzioni non la cultura (almeno non a priori). La laicizzazione della cultura è un'altra cosa e non è affatto una necessità.
La società è l'antitesi dello Stato, e il fatto che in materia qui si brancoli nel buio la dice lunga sulla concretezza dello spirito liberale che ispira questi post. Lo stato è un fatto istituzionale, la società è la collettività nel suo storico determinarsi (forse un'idea hegeliana, non marxiana). La laicità dello Stato - necessaria alla democrazia - non implica affatto una parallela laicizzazione della cultura: questa è una semplificazione da trivio (che, lo ripeto, mi auguro sia suggerita dalla malafede e non dall'ignoranza).
Qui si scambia per laicità dello Stato il progetto (che non è liberale ma massone) di secolarizzazione coatta della cultura.
Detto questo, l'insegnamento della religione cattolica è facoltativo. La libertà di scelta, quindi, è rispettata e il problema non esiste.
Quanto al presunto "asse" tra cristiani e musulmani è un'evidente boiata. Io per primo mi opporrei senza mezzi termini. E mi pare proprio che tutta la strategia di Papa Ratzinger non fornisca sin qui alcun appiglio a una simile idea bislacca.
Il futuro del cristianesimo non può prescindere dalla cultura della libertà e della coscienza individuale alla quale ha contribuito in modo determinante. Il futuro sta nel dialogo fitto col pensiero liberale più avanzato, col fine di rinvigorire l'identità culturale dell'occidente, oggi un po' catatonica tra economicismo, materialismo e nichilismo (tutti elementi deteriori che, infatti, il liberalismo più triviale condivide col marxismo).
Per far questo la Chiesa deve, da parte sua, abbandonare la difesa del "formalmente cristiano" e rinnovare gli strumenti dell'evangelizzazione e l'approccio culturale alla società contemporanea. Al pensiero liberale tocca, invece, l'onere di liberarsi dalle scorie massoniche, anticlericali, laiciste, scientiste, e, in materia di etica, dalle facili derive del consequenzialismo.

Bernardo
 
Nico, non te la prendere. Non ce ne sarebbe nemmeno il motivo: della tua risposta condivido praticamente tutto, eccezion fatta per l'acrimonia stizzosa dei toni. Io avevo messo in evidenza alcuni snodi del tuo ragionamento che mi erano parsi incongruenti con alcune loro premesse, tu hai evitato di partire dalle mie posizioni e mi hai mitragliato contro un compendio di (sacrosanto) liberalismo scolastico. Bene, ma io mi riferivo ad altro. Fa nulla; solo ti pregherei gentilmente di non includermi nel recinto clerical-cinofilo nel quale implicitamente mi annoveri dandomi del "voi" mentre proietti sul sottoscritto i fantasmi di chissà quale teocrazia del passato. Ripeto, non ce n'è motivo: a riguardo, altrove ho già manifestato la mia approvazione per l'intervento sul Riformista di Emanuele Ottolenghi, pubblicato ieri. E anche Messori di oggi (ne parla JimMomo) non è per niente male.
 
anzitutto una precisazione al post
di GUIDO DI MASSIMO DEL 1O.3,h2,35
I TRATTATI LATERANENSI del 1929 riconoscono ai cardinali lo status
diplomatico, per cui è vero che sono cittadini italiani,ma con la porpora diventano agenti d'un governo straniero, che caso unico nel mondo ha una struttura bicefala:in parte mondana o terrena (città del vaticano),in parte trascendente (per modo di dire) come chiesa.E' un giochino che ha stufato, a cui viene dato peso solo in Italia. A nessun diplomatico di Stato straniero sarebbe concesso d'ingerirsi nelle vicende interne come ai cardinali di S.R.C., che perenni imitatori di Fregoli parlano un pò come curatori d'anime e molto come agenti stranieri.Quanto poi al modo di dare le notizie,il sig.
Guido dovrebbe essersi accorto da
tempo che la classe giornalistica
italiana è fatta d'incapaci e di ruffiani (caso Annunziata docet).
Quelli bravi non vanno in RAI,MEDIASET,CDS,24 ORE ETC.E poi vengono per lo più lette notizie ANSA e simili senza verifiche.E per fortuna che c'è "striscia la notizia",con tutti i suoi limiti!
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?