12 febbraio, 2006

 

Darwin Day o Festa dell'evoluzionismo, contro la teologia imposta come scienza

Il 12 febbraio dovrebbe essere celebrato ogni anno come "La festa dell’evoluzionismo" o "Darwin Day", perché Charles Darwin, autore della "Origine della specie" e teorizzatore delle leggi dell’evoluzionismo e della selezione naturale, nacque il 12 febbraio 1809 a Shrewsbury, cittadina vicina a Birmingham. (Regno Unito). Oggi, sull’onda d’un revanchismo reazionario che ciclicamente percorre le società di massa, Darwin è diventato in qualche remota contea degli Stati Uniti, e ora in qualche più remota provincia d'Europa, la bestia nera dei divulgatori e degli pseudo-scienziati "creazionisti", fanatici religionari - per dirla con Bertrand Russell - che prendendo alla lettera le parole della Bibbia e forzando le stesse indicazioini della Chiesa, contestano i principi stessi della nascita delle specie attraverso il processo di evoluzione, la selezione e la continuità tra animali e uomo, scoperti e teorizzati dallo scienziato inglese. La figura e l’opera di Darwin, perciò, oltre ad aver rivoluzionato la scienza, possono essere assunte anche come la testimonianza d’un sapere laico e liberale, che in pieno 800 ha saputo affrancarsi dalle verità teologiche imposte autoritariamente come verità scientifiche per tutti, credenti e non credenti. E, anche solo per questo aspetto, la data del 12 febbraio dovrebbe essere celebrata ogni anno con "Darwin Day", o "Giornata della libertà della Scienza".

Comments:
come al solito ve la suona e ve la cantate...
qualche rettifica:
1) la Teoria dell'Evoluzionismo non è Darwin, sono 2 cose diverse, ma va bhe...
2) La Teoria dell'Evoluzionismo è appunto una teoria. Dai più riconosciuta come la più probabile, ma non è una certezza scienfica..poi puoi dirmi che l'accetti come Dogma, allora..per carità..rispetto le convinzioni religiose di tutti...
3) Se dici che il vero merito di Darwin è aver spazzatop via le credenze religiose..beh...celebrati il tuo eroe...Ma non dimenticarti che l'ostracismo verlo l'Evoluzione è molto americano. Più protestante che Cattolico (ma capisco che in campgana elettorale tutto fa brodo)...
 
Che ragionamento! Anche la teoria del Big Bang è una teoria, ma è attualmente l'unica in grado di spiegare con dovizia di particolari l'Universo come lo vediamo. Contestarla soltanto perché gli scienziati non sono forse pienamente d'accordo su ciò che è avvenuto durante il primo decimiliardesimo di secondo non mi sembra serio. E ancora più assurdo mi sembra attaccarsi a una presunta lacuna di una teoria per avvalorare la tesi opposta (sarebbe come dire che siccome non è mai stata dimostrata la non-esistenza di Zeus, Athena o Cibele, allora tutte queste divinità di fatto devono esistere!)
 
Che ragionamento! Anche la teoria del Big Bang è una teoria, ma è attualmente l'unica in grado di spiegare con dovizia di particolari l'Universo come lo vediamo. Contestarla soltanto perché gli scienziati non sono forse pienamente d'accordo su ciò che è avvenuto durante il primo decimiliardesimo di secondo non mi sembra serio. E ancora più assurdo mi sembra attaccarsi a una presunta lacuna di una teoria per avvalorare la tesi opposta (sarebbe come dire che siccome non è mai stata dimostrata la non-esistenza di Zeus, Athena o Cibele, allora tutte queste divinità di fatto devono esistere!)
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?