17 gennaio, 2006

 

Cattolici "liberali". Liberali con riserva mentale, fin dall'800

"Questi cattolici che accettavano il nuovo regime [degli Stati liberali, nella seconda metà dell'Ottocento, specialmente in Francia e in Italia, NdR] si dicevano cattolici liberali; ma nel senso circoscritto che accettavano la libertà di coscienza, di stampa, di associazione e di riunione, e il regime rappresentativo, subordinatamente ai diritti della Chiesa e della morale cattolica; e cioè, non come dogmi assoluti, sibbene come condizioni contingenti, di fatto; e rigettavano la neutralità statale, la separazione della Chiesa dallo stato e tutto il teleologismo atomistico del liberalismo. Si dicevano liberali, insomma, perché accoglievano gli istituti pubblici che andavano sotto il nome di liberali, ma rifiutando il liberalismo economico e filosofico". Igino Giordani, I Cattolici liberali (La Rivoluzione Liberale, diretta da Piero Gobetti, a.IV, n.14, 1925).

Comments:
sempre uguali quelli
 
Ti invito a leggere il mio post su:

http://btbf.blogspot.com/2006/01/laici-liberali-di-centro-destra.html
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?