02 dicembre, 2015

 

Croce: «Caro Einstein, grazie della lettera ma Platone aveva torto sulla città retta dai filosofi».

Nel bel mezzo delle drammatiche fasi finali della II Guerra Mondiale, nel giugno del 1944, lo scienziato Alberto Einstein – che era vissuto a lungo in Italia, e la lingua italiana doveva ancora ricordarla – scrive al filosofo Benedetto Croce, sulla cui intelligenza e amore per la libertà gli americani e inglesi allora molto contavano in vista del nuovo assetto politico italiano. I due intellettuali già si conoscevano, come infatti ricorda Croce rispondendo alla lettera di Einstein, e questo rende più facile il nuovo imprevisto contatto epistolare.
Ma la risposta di Croce non è formale: trova il modo amabilmente di smentire l’utopia platonica di una Repubblica ideale retta dalla Ragione e dai filosofi, a cui aveva un po’ ingenuamente accennato Einstein.
E, come a scursarsi dei crimini e delle velleità imperialistiche del Fascismo, ricorda che mai nella Storia italiana prima di questa dittatura, neanche durante l’impero di Roma, il “delirio” del nazionalismo e dell’imperialismo è stato una ideologia.
Il brano della lettera più importante sul piano politico e morale è, secondo noi, quello in cui Croce afferma il dovere etico che ha l’intellettuale di operare nel concreto a favore della libertà e del progresso del proprio Paese. Perfino il filosofo, insomma, non può estraniarsi e rifugiarsi nei suoi studi, ma deve dare il suo contributo d’azione quando la Patria è in pericolo, come «Socrate, che filosofò, ma combatté da oplita a Potidea, e Dante, che poetò, ma combatté a Campaldino».
Ma «non tutti possono compiere questa forma straordinaria di azione» che è la guerra, e perciò il filosofo può, coi suoi limiti, aiutare a combattere la «più aspra e più complessa guerra, che è la politica» con l’impegno, con i suoi scritti, con le parole di incoraggiamento.
Certo la filosofia «non si arroga di sostituirsi all’azione pratica e morale, che essa può soltanto sollecitare». Di qui l’«impegno» dell’intellettuale liberale, teorizzato un po’ prima che lo facessero nel Dopoguerra gli intellettuali comunisti. «Perciò – scrive Croce ad Einstein – mi sento oggi, conforme ai miei convincimenti ed ai miei ideali, impegnato nella politica del mio paese, e vorrei, ahimè, possedere a dovizia le forze che le sono più direttamente necessarie...».
NICO VALERIO

DUE LETTERE:
EINSTEIN A CROCE - CROCE A EINSTEIN (1)
1.  Pubblicate nella Libertà di Napoli e in altri giornali, e in opuscolo (Bari, Laterza, 1944).
[Ripubblicate in B.Croce, Scritti e discorsi politici, Bari, Laterza, 1973]

EINSTEIN A CROCE.
 Princeton, 7 giugno 1944.

Apprendo che una persona di qui, che ebbe la fortuna di visitarla, ricusò di lasciarle la lettera da me indirizzata a lui, ma scritta a Lei. Pure, di ciò mi consolo nel pen­siero che Ella è ora presa da occupazioni e sentimenti incomparabilmente piú importanti, e particolarmente dalla speranza che la sua bella patria sia presto liberata dai malvagi oppressori di fuori e di dentro. In questo tempo di generale sconvolgimento possa a Lei essere concesso di rendere al suo paese un servigio oltremodo prezioso, perché Ella è dei pochi che, stando di sopra dei partiti, hanno la fiducia di tutti.
Se l'antico Platone potesse in qualche guisa vedere quello che ora accade, si sentirebbe come in casa sua, per­ché, dopo lungo corso di secoli, vedrebbe ciò che di rado aveva visto, che si viene adempiendo in certo modo il suo sogno di un governo retto da filosofi; ma vedrebbe altresí, e ciò con maggiore orgoglio che soddisfazione, che la sua idea del circolo delle forme di governo è sempre in atto.
La filosofia e la ragione medesima sono ben lungi, per un tempo prevedibile, dal diventare guide degli uomini, ed esse resteranno il piú bel rifugio degli spiriti eletti l'unica vera aristocrazia; che non opprime nessuno e in nessuno muove invidia, e di cui anzi quelli che non vi appartengono non riescono neppure a riconoscere l'esi­stenza. In nessuna altra società i vincoli tra viventi e morti sono cosí vivi, e i nostri simili dei secoli precedenti stanno con noi come amici i cui detti non perdono mai la loro attrattiva, la loro fecondità e la personale loro magia. E, infine, chi realmente appartiene a quella aristocrazia, potrà bensí dagli altri uomini essere messo a morte, ma non offeso.
Con rispettosi saluti e auguri
A. EINSTEIN.


CROCE A EINSTEIN.
Sorrento, 28 luglio 1944.

La sua lettera mi è stata carissima, perché ho avuto sempre nel ricordo la lunga conversazione che facemmo in Berlino nel 1931, quando ci accomunammo nello stesso sentimento ansioso sul pericolo in cui versava la libertà in Europa: comunanza di sentimento e di propositi che vidi confermata allorché mi trovai a collaborare con Lei – fatta esule dalla sua patria per l'inferocita lotta contro la libertà – , nel volume di saggi sulla libertà (Freedom), preparato, or son quattro anni, in New York.
Delle due teorie di Platone, che Ella richiama, non è stata, in verità, ricevuta, anzi è stata respinta, dal pensiero moderno, quella della Repubblica perfetta, costruita e go­vernata dalla ragione e dai filosofi, ma l'altra è stata serbata, che a lui non era particolare, del circolo delle forme, ossia delle forme necessarie in cui perpetuamente si muove la storia: con questo di piú, che quel circolo è stato rischia­rato dall'idea complementare del perpetuo avanzamento ed elevamento dell'umanità attraverso quel percorso neces­sario, o, secondo l'immagine che piacque al vostro Goethe, del suo corso a spirale. Questa idea è il fondamento della nostra fede nella ragione, nella vita e nella realtà.
Quanto alla filosofia, essa non è severa filosofia se non conosce, con l'ufficio suo, il suo limite, che è nell'appor­tare all'elevamento dell'umanità la chiarezza dei concetti, la luce del vero. È un'azione mentale, che apre la via, ma non si arroga di sostituirsi all'azione pratica e morale, che essa può soltanto sollecitare. In questa seconda sfera a noi, modesti filosofi, spetta d'imitare un altro filosofo antico: Socrate, che filosofò ma combatté da oplita a Potidea, e Dante, che poetò, ma combatté a Campaldino; e, poiché non tutti e non sempre possono compiere questa forma straor­dinaria di azione, partecipare alla quotidiana, e piú aspra e piú complessa guerra, che è la politica. Anche io pratico la compagnia, della quale Ella parla con cosí nobili pa­role, di coloro che già vissero sulla terra e ci lasciarono le opere loro di pensiero e di poesia, e mi rassereno e ritem­pero in essa: di volta in volta m'immergo in questo bagno spirituale, che è quasi la mia pratica religiosa. Ma in quel bagno non è dato restare, e da esso bisogna uscire per sot­toporsi agli umili e spesso ingrati doveri che ci aspettano sull'uscio.
Perciò mi sento oggi, conforme ai miei convincimenti ed ai miei ideali, impegnato nella politica del mio paese; e vorrei, ahimè, possedere per essa a dovizia le forze che le sono piú direttamente necessarie, ma tuttavia le do quelle, quali che siano, che mi riesce di raccogliere in me, sia pure con qualche stento. E ringrazio Lei dell'augurio generoso che fa all'Italia, la quale ha sofferto una triste e dolorosa vicenda, dovuta al collasso prodotto in essa come in altri paesi dalla guerra precedente, onde fu possibile ai dissennati e violenti d'impadronirsi dei poteri dello Stato non senza il gran plauso e la larga ammirazione del mondo intero, e volgere e sforzare l'Italia in una via che non era la sua, che tutta la sua storia smentiva. Perché non mai l'Italia, dalla caduta dell'Impero Romano, ha delirato di domini nel mondo, ed essa ha attuato o ha cer­cato libertà e nella libertà si è unificata, e il suo naziona­lismo e fascismo è venuto da concetti forestieri, che solo quei dissennati e violenti potevano adottare a pretesto del loro mal fare. Neppure Roma antica ebbe quel delirio, e perché l'opera sua fu di proseguire l'opera luminosamente iniziata dall'Ellade e creare un'Europa, dando leggi civili ai barbari che non ne avevano o le avevano barbariche.
La guerra è la guerra e non ubbidisce ad altro principio che al suo proprio, e anche le piú nobili ideologie sono per essa mezzi di guerra, come ogni conoscitore di storia sa e ogni uomo sagace intende. La lotta interna per la civiltà e la libertà si svolgerà poi, a guerra finita, nei paesi vin­citori non meno che nei vinti, tutti sconvolti dalla guerra sostenuta, tutti dal piú al meno disabituati alla libertà; e durerà anni e sarà assai travagliosa e assai perigliosa. Ma poiché le guerre mirano, come a naturale effetto, a un assetto di pace, è da augurare e da raccomandare che gli uomini di Stato, che oggi le dirigono, pensino sin da ora a non preparare nei vari paesi condizioni tali che renderebbero impossibile una solida pace e, danneggiando cosí la causa stessa della libertà, preparerebbero una nuova guerra, la quale non potrà mai essere impedita dalla sem­plice coercizione, ma richiede la disposizione degli animi alla pace, alla concordia e alla dignità, del lavoro: « Le lingue legano le spade », come diceva un vecchio filosofo italiano.
Ma non voglio tediarla con entrare a discorrere di quel che io osservo e giudico nelle cose della politica interna­zionale in riferimento particolare all'Italia; ché anzi do­vrei altresí chiederle venia di aver tolto occasione dalle sue parole gentili e cordiali per esporle i miei pensieri sulle alte questioni da Lei toccate. Ma naturam expelles furca, tamen usque recurret : la natura cioè del filosofo, che di­stingue e teorizza. E, ringraziandola della sua buona let­tera, Le stringo la mano.

Suo B. CROCE.

IMMAGINI. Il disegno di Einstein è di un autore a me sconosciuto. Croce è del disegnatore iraniano Dariush Radpour, illustratore editoriale attivo in Italia.

AGGIORNATO L'11 FEBBRAIO 2016.

Comments:
Stupendo epistolario. Complimenti.
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?