14 settembre, 2015

 

Europa. Evviva i socialisti (ma anche i liberali e i conservatori), quando tornano a essere se stessi.

Auguri paradossali ma veri a Jeremy Corbyn, anzi evviva! Da strenui avversari, s'intende. Mi piace, sì, mi piace proprio, questo onesto, idealista (dal suo punto di vista, ovvio), anziano socialista da decenni, che definirei “vecchio stile”, se non avesse anche molta creatività ecologica (ama curare l’orto, è vegetariano, va in bicicletta, è capace di farsi fotografare in pubblico con pantaloncini corti ecc.), ora eletto capo del Governo-ombra in quanto nuovo capo dei Laburisti inglesi, che dice di voler riportare al socialismo, la casa madre da cui provengono. Socialismo con tutti i suoi pregi (pochi) e difetti (molti).
      Ma che avrò da essere contento, non è in fondo un altro che fa analisi sballate di economia, ciancia di "pace" a senso unico, insiste sulle solite falsità anti-Israele, è anti-ebreo e filo-palestinese ultrà? Sì, ma c'è il vantaggio della cosa vecchia e risaputa, vintage, e quindi patetica perché smentita e condannata dalla Storia, malattia per la quale abbiamo già gli anticorpi. L'importante è che si inverta la tendenza dell'annullamento delle ideologie e delle idee, giuste o sbagliate che siano. Insomma, che si cominci a uscir fuori dal nulla ideologico, dalle ambiguità e dallo spirito affaristico e personalistico del “blairismo”. 
      Tony Blair, capo dei Laburisti e del Governo inglese dal 1997, è stato per la Sinistra del Regno Unito quello che Berlusconi, capo di Forza Italia e del Governo dal 1994, è stato per la Destra italiana. Entrambi avevano promesso di “svecchiare” e “modernizzare” (in realtà solo de-ideologizzare) il proprio Paese per poter fare qualunque cosa senza il controllo e la coerenza delle idee. Solo che mentre il Cavaliere, del tutto inesperto di politica e appesantito dal conservatorismo e dallo statalismo di seguaci ex-socialisti e ex-fascisti, la sbandierata “rivoluzione liberale” con cui aveva preso molti voti neanche cominciò a farla, il più esperto Blair riuscì – non si sa se con più vantaggi o danni per il Paese – almeno a delineare uno Stato post-assistenziale. Peccato, però, che a tentare questa “rivoluzione” fosse un ambizioso avvocato socialista ultra-moderato, anziché un vero liberale, il che spiega i tanti errori, tipici dei politici di Sinistra che si improvvisano se non liberali, almeno liberisti.
      Invece, questo Corbyn sarà pure più radicale, ma mi piace, e non solo perché va in bicicletta ed è vegetariano: qualunque stupido può farlo, pur continuando a essere una nullità. Ma proprio perché ha il coraggio delle proprie idee, e perché queste non sono personali e balzane, mai sentite prima, ma quelle rassicuranti e razionali, anche se spesso non condivisibili da un liberale, che abbiamo imparato a conoscere da decenni. Dice: ma, scusa, tu non eri liberale? Appunto. Mi piace come dignitoso avversario, in una contesa fatta di franchezza e rispetto reciproco. Ma mi piace anche perché può dare l'esempio anche ai Liberali.
      Certo, siamo contro il suo “pacifismo” strumentale e a senso unico. A proposito, scusa Jeremy, ma la Rivoluzione Sovietica e perfino quella Francese, i cui eccessi erano molto ammirati dal criminale politico Pol Pot, rientrano in questo “pacifismo”? E se spie, provocatori e terroristi, inviati o no da qualche setta combattente o Stato-canaglia, dovessero entrare in Gran Bretagna, tu che faresti? E’ importante per te il concetto di Patria, allargato o no all'Europa, o per te, utopisticamente, la patria è il Mondo, Paesi fascisti e terroristi compresi? E visto che ce l’hai ancora con la NATO, sei sicuro che anche la tua libertà e sicurezza non sia stata difesa negli anni bui della Guerra Fredda da questa necessaria organizzazione difensiva? E poi ci sono le tue scelte utopistiche, sempre smentite cioè rese irrealizzabili dalla Storia, maestra di vita, in tema di società e di economia. Per esempio, ancora lo slogan-bufala “contro il capitalismo” in sé e il prepotere delle banche? Anziché idee concrete per mettere in pratica in modo intelligente e critico il primo, e far rispettare o innovare regole severe e controlli per le seconde, visto che sono solo mezzi e istituti da far funzionare bene?
      Ma il vecchio socialista inglese ha ragione in questo: è ora di finirla con i socialisti che non sono socialisti, cioè con i socialisti disonesti. E il socialismo (democratico, ovviamente, anche se non moderato) si sa che cosa è, non è un mistero: basta studiarlo. 
      Fatto sta che il ritorno annunciato – bisognerà vedere se e quanto gli ultra-moderati di Blair glielo consentiranno – alla “ideologia” di un importante partito storico anglosassone sembra segnare una mèta attorno alla quale la politica europea può svoltare. No alla "morta gora" di liste elettorali tutte uguali, a partiti di Governo e di Opposizione che si rassomigliano in tutto! Così non può esserci dialettica, dibattito politico, cioè quella giusta contrapposizione delle idee tipica del sistema liberale, che vuole, pretende, la competizione, la lotta. Ecco perché interessa tanto anche i liberali, cioè l’altro polo storico e dialettico della politica. Se il ritorno alle origini diventa una tendenza, c’è da attendersi che abbia ricadute anche sugli altri movimenti e partiti di forte identità ideologica e culturale.
      E quindi, se qualcuno dice “basta con i socialisti disonesti che non sono socialisti”, qualcun altro dirà basta anche con i conservatori disonesti che non sono conservatori e con i liberali disonesti che non sono liberali.
      In Italia, tutti quelli che fanno politica, tranne frange ininfluenti e coloristiche. Tutti sono né carne né pesce, né insalata. E invece, tre, tre sole, sono in una politica democratica-liberale, le posizioni teoriche possibili, ma, appunto, devono essere ben marcate e riconoscibili. Altrimenti, non si può fare politica con onestà e chiarezza. Perciò, gli ignoranti Italiani ne traggano le conclusioni.

      Se gli Italiani fossero ideologicamente onesti, e non lo sono, dovrebbero avere “idee chiare e distinte” e fare tutti questa scelta politica: tornare alle Idee (be’, certo, per far questo una lettura a qualche Bignami di storia delle dottrine politiche la dovrebbero fare, ma ci penserebbero giornali, tv e web), e quindi punire quelli che sono “tutto e niente” proprio allo scopo di sottrarsi all’obbligo della razionalità e della coerenza, ed evitare il controllo della Ragione. Insomma i sedicenti “leaders” carismatici. Aggettivo che si mette quando il furbo politicante, non avendo nessuna idea propria e non accettando la responsabilità di scegliere nessuna delle tre dottrine, si sente libero di fare tutto e il suo contrario: facile trucco, no? 
      Alla luce di questa scelta chiara e onesta, vorrei proprio vedere come si comporterebbero le nullità confusionarie dell’Italia di oggi, buoni a nulla ma capaci di tutto. Berlusconi, finto “liberale”, aderisce non all’Internazionale Liberale, ma al Partito Popolare (quindi conservatore), e Forza Italia e i suoi governi hanno esponenti di punta ex-socialisti ed ex-fascisti come Tremonti, Brunetta, Cicchitto, Sacconi, Boniver, Baget Bozzo, Stefania Craxi, Gasparri, Larussa, Matteoli, Alemanno, quindi tutti statalisti (quindi socialista e ), l’ex comunista poi leghista Salvini (a parole liberista, in realtà protezionista e anti-liberale), il comico aggressivo che non fa ridere Grillo che mescola idee a caso e viene preso sul serio dagli elettori più ignoranti di lui che credono a tutto, in passato un Veltroni “mai stato comunista”, proprio il politico pseudo-politico che perfettamente d’accordo con Berlusconi iniziò a cianciare di crisi delle ideologie, non volendo dire la verità, cioè che non aveva idee e non credeva in nulla, mettendosi d’accordo col Cavaliere per la spartizione del Potere col bipolarismo perfetto tra due Nulla contrapposti: finta Sinistra contro finta Destra. 
      E la nuova tendenza potrebbe far rettificare il tiro anche allo stesso Renzi, che come tutti i populisti deve ricordarsi di non essere un Capo di Stato che ha l’obbligo di avere sempre il consenso di tutti, e può dire e fare solo cose anodine che non dispiacciano Destra, Centro e Sinistra; ma è un Capo di Governo, quindi di parte, che deve fare delle “scelte” di parte, coraggiose, univoche, altrimenti finisce per scontentare tutti. Come Blair, Renzi è stato eletto come “Sinistra”, che in Italia, Paese senza cultura e quindi senza idee, è sinonimo molto annacquato di socialismo? Ebbene, faccia il sinistro! Poi, se bocciato alle prossime elezioni, si farà da parte. E prevarranno i liberali o i conservatori. Così si ragione e si opera nei Paesi liberal-democratici.
      E tutti i sedicenti “Cattolici”, dove si collocano in questa ritrovata dialettica ideologica? Innanzitutto, dovremmo intenderci sul significato politico del termine “cattolico” (e lo chiedo anche ai tantissimi socialisti-cristiani, ormai la Sinistra è solo cristiana: parlano su tutto come chierichetti): è forse una nuova ideologia, e quale, di grazia? Sui manuali di Politologia non c’è: vi si legge che per la democrazia liberale non conta un accidente se uno creda negli Dei o no, e che per le grandi scelte devono sempre optare tra liberali, conservatori e socialisti, compresa la cosiddetta “economia sociale di mercato” che fa parte da un secolo del Liberalismo. E allora, la smettano di inquinare la dialettica politica mettendosi da parte e definendosi con un inclassificabile “cattolici”. 
      Che è un po’ come quelli che di chiamano “libertari”? Che vuol dire? Che disubbidiscono alle leggi? Sarebbero in difficoltà grave e dovrebbero chiudere subito la baracca, anche i miei amici, non Radicali ma Pannelliani, che con la scusa di provenire dal cristiano Capitini più che dal coerente e severo e ideologico Partito Radicale di Pannunzio-Rossi-Calogero, col pretesto della “lotta al Partitismo”, di ambiguità ideologica vivono, anzi sopravvivono, essendo di volta in volta, come fa comodo all’estroso leader carismatico, socialisti, liberali, conservatori.
      Ecco, vorrei vedere tutti questi “imbroglioni delle Idee” costretti finalmente a stare al tema, a scegliere tra le tre idee serie e oneste dell’Europa democratica. Dottrine che non è affatto vero che siano vecchie e “insufficienti” a comprendere la realtà, visto che dopo aver retto – a differenza degli “alternativi” del nulla – tutti i moderni Stati democratici, sono ormai mature, complesse, già sufficientemente pluraliste e ricche di sfumature al proprio interno, e quindi, come dimostra la politica inglese, possono far fronte con successo a qualsiasi evento politico, economico e sociale. Senza dire che un partito socialista vero è un altro partito laicista e razionale, pur con i suoi errori storici, in una eventuale alleanza son i Liberali contro il prepotere della Chiesa e del fanatismo integralista.
Dunque, socialisti, conservatori o liberali. Quartum non datur.

IMMAGINE. Jeremy Corbyn in un disegno su The Spectator.


AGGIORNATO IL 1 MAGGIO 2016

Comments: Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?